Connect with us
UPAS, nessun contagio tra gli attori

Un posto al sole

Un posto al sole, morto il creatore Wayne Doyle: il futuro della soap

Sui profili social di Upas è apparsa la lettera d’addio di uno dei creatori, venuto a mancare in queste ore: le sue ultime parole

Lutto per Un posto al sole: è morto il creatore Wayne Mark Doyle. A dare il triste annuncio è stata la produzione stessa attraverso i canali social della soap opera. Sulle loro pagine Facebook, Instagram e non solo sono comparse stamattina le foto di Wayne Doyle accompagnate dalle sue ultime parole. Non si conoscono le cause della morte del creatore, che 26 anni fa ha posto le basi per quella che è oggi la soap opera italiana più longeva di tutti. Il fatto che lui abbia scritto una lettera d’addio per chi lo ha conosciuto, però, lascia pensare che fosse consapevole di vivere i suoi ultimi giorni.

Wayne Doyle è stato tra i creatori di Un posto al sole, insieme a Gino Ventriglia e Adam Bowen, con la collaborazione di Michele Zatta. Insieme adattarono il format australiano Neighbours al mercato italiano, scegliendo Napoli come luogo in cui si sviluppa la trama. Erano i primi anni Novanta, la casa di produzione era la Grundy Production che oggi è Fremantle. Un posto al sole fu una scommessa soprattutto per l’ambientazione partenopea, che ha cambiato per sempre il Centro di Produzione Rai di Napoli. A distanza di 26 anni si può affermare che è stata una scommessa vincente.

Un posto al sole ha raggiunto il traguardo delle 6000 puntate ed è ancora molto seguita dal pubblico di Rai Tre. Wayne Doyle ha assistito a questo grande successo, ma adesso con lui è andato via un pezzo della storia di Upas. “26 anni fa hai dato vita a Un posto al sole… Oggi ci lasci ancora una volta parole preziose… Grazie di tutto Wayne”, queste le parole scelte dalla redazione di Upas per accompagnare la lettera del creatore scomparso. Questa invece la lettera con cui Wayne ha detto addio al suo pubblico:

“Ridere spesso e tanto. Conquistare il rispetto di persone intelligenti e l’affetto dei figli. Guadagnare l’apprezzamento di critici onesti e sopportare il tradimento di falsi amici. Lasciare il mondo un po’ meglio, sia con un figlio sano, un piccolo giardino o una condizione sociale riscattata. Sapere che anche una sola persona ha respirato meglio perché hai vissuto, questo è avere avuto successo. Ciao amici miei, è stata una splendida giostra”

Cosa succederà a Un posto al sole adesso? Nonostante la scomparsa di uno dei suoi creatori, la soap opera naturalmente andrà avanti. Non potrebbe mai interrompersi proprio adesso che è tornata a degli ascolti non indifferenti, soprattutto con la storia che ha portato alla morte di Susanna. Nel mese di agosto, inoltre, c’è stato un altro enorme lutto per la soap opera: il pubblico ha dovuto dire addio all’amata Teresa.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Un Posto Al Sole Rai (@unpostoalsolerai3)

Continua a leggere
Potrebbe interessarti...
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in Un posto al sole

Post Popolari

Scelti per voi

To Top