Connect with us
alba parietti sedia bianca

Gossip

Alba Parietti insultata dopo la lettera a Ezio Bosso: la showgirl risponde

alba parietti sedia biancaAlba Parietti criticata e insultata dopo la lettera commossa ad Ezio Bosso: la showgirl risponde

Nell’ultimo numero in edicola del settimanale Chi è stata pubblicata una lettera commossa di Alba Parietti che ha ricordato il compianto Ezio Bosso, scomparso pochi giorni fa e con il quale aveva un legame profondo di stima e affetto. Il pensiero riservato al musicista è stato veicolato dalla stessa Alba anche sui social dove qualcuno l’ha insultata e criticata. Commenti indegni, da leoni da tastiera, che hanno prontamente trovato la replica articolata e piccata della showgirl.

View this post on Instagram

Ci siamo detti tante cose, ho passato giornate intere a piangere guardando il soffitto pensando a quanto fosse tragico il suo destino e volevo convincermi che non fosse così. Di lui amavo più i difetti che i pregi perché erano la sua forza, come quella capacità che molti avranno sperimentato su piani diversi di sedurti e lasciarti senza fiato e senza speranza. Questa era la sua magìa, con un tocco di bacchetta ti faceva avvicinare e con un altro ti teneva lontano, era anche il suo modo di proteggere i rapporti, di tenerli sospesi, di non definirli. Gli ultimi concerti di Ezio li faceva quasi solo dirigendo e il più bello è stato quello delle “dodici stanze” dove raccontava il rapporto fra la vita e la morte. Diceva che, secondo una teoria antica, la vita di ogni uomo è composta di dodici stanze, in ciascuna lasciamo qualcosa di noi e di tutte ci ricorderemo quando entreremo nell'ultima. Non possiamo ricordare la prima, quella in cui siamo nati, la rivedremo solo quando entreremo nell'ultima, dove tutto finisce e tutto ricomincia. E allora mi piace immaginare Ezio come un eterno ragazzo, con quel sorriso e gli occhi curiosi di un bambino, che ci ha lasciato troppo presto, senza avvisarci, lasciando solo “pioggia nei nostri occhi scuri”.Testo raccolto da @vapalm per Chi

A post shared by Alba Parietti Officialpage (@albaparietti) on

Alba su Ezio: “Le persone non sono di proprietà di nessuno”

Lasciate che ognuno scelga le sue amicizie e che possa esprimere come desidera dolore e affetto”, esordisce Alba in un lungo post social. “Le persone non sono proprietà – aggiunge -. Soprattutto se vengono usate parole che non possono offendere nessuno semmai onorarne la memoria. E credo di averle scelte nel massimo rispetto. Le persone non sono proprietà e hanno libero arbitrio di amare, odiare, onorare. Quindi il rispetto lo chiedo io, perché non ho mai fatto male né mancato di rispetto a nessuno.” “Ho accettato – prosegue la Parietti -, dopo molte richieste da parte di varie testate, di ricordare solo su una, una persona cara.” La testata in questione è il magazine Chi. “L’ho fatto con affetto, cercando le parole più adeguate delicate e rispettose. A lui sono certa ho fatto cosa gradita. Questa polemica è volgare, sterile. Non accetto insulti da nessuno. E…”

Parietti: “Vorrei proprio per rispetto chiudere questo teatrino di fake”

Vorrei proprio per rispetto chiudere questo teatrino di fake e commenti (pochi per fortuna) – spiega sempre Albatotalmente fuori luogo e questa a dire poco rispettosa volgarità, su un ritratto affettuoso. Perché chiunque ha avuto la possibilità di esprimere dolore. Anche sconosciuti. Lo hanno fatto tutti . Da Mattarella alla signora Pina e anche persone che con le quali aveva nulla a che fare.” Alba si interroga in modo retorico: “Andavano tutti bene. Io non posso? Io gli ho voluto bene come tutti e siccome si tratta di una persona che per me importante ne parlo e solo con affetto infinito. Ognuno elabora il lutto come gli pare. La prepotenza nell’impedire di esternare con dolcezza e rispetto i propri sentimenti puliti, non è accettabile mai.” Infine la chiosa: “Mi piacerebbe che l’emozione che ci ha regalato in vita e che porteremo sempre nel cuore non fosse inquinata da subdole chiacchiere e polemiche con il solo intento di rovinare i ricordi e fare male. Grazie”.

View this post on Instagram

Lasciate che ognuno scelga le sue amicizie e che possa esprimere come desidera dolore e affetto. Le persone non sono proprietà. Soprattutto se vengono usate parole che non possono offendere nessuno semmai onorarne la memoria . E credo di averle scelte nel massimo rispetto. Le persone non sono proprietà e hanno libero arbitrio di amare, odiare, onorare. Quindi il rispetto lo chiedo io , perché non ho mai fatto male ne mancato di rispetto a nessuno . Ho accettato dopo molte richieste da parte di varie testate di ricordare solo su una , una persona cara. L’ho fatto con affetto, cercando le parole più adeguate delicate e rispettose. A lui sono certa ho fatto cosa gradita . Questa polemica è volgare, sterile . Non accetto insulti da nessuno. E vorrei proprio per rispetto chiudere questo teatrino di fake e commenti ( pochi per fortuna ) totalmente fuori luogo e questa a dire poco rispettosa volgarità , su un ritratto affettuoso. Perché chiunque ha avuto la possibilità di esprimere dolore . Anche sconosciuti . Lo hanno fatto tutti . Da Mattarella alla signora Pina e anche persone che con le quali. Ok aveva nulla a che fare. Andavano tutti bene . Io non posso?. Io gli ho voluto bene come tutti e siccome si tratta di una persona che per me importante ne parlo e solo con affetto infinito. Ognuno lo elabora il lutto come gli pare . La prepotenza nell’impedire di esternare con dolcezza e rispetto i propri sentimenti puliti , non è accettabile mai. Mi piacerebbe che l’emozione che ci ha regalato in vita e che porteremo sempre nel cuore non fossero inquinate da subdole chiacchere e polemiche con il solo intento di rovinare i ricordi e fare male. Grazie ????

A post shared by Alba Parietti Officialpage (@albaparietti) on

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in Gossip

Post Popolari

Scelti per voi

To Top