Connect with us
Foto Clay Jensen ultima stagione Tredici

Televisione

Tredici 4 chi muore a fine stagione, spoiler: un altro finale era possibile?

Foto Clay Jensen ultima stagione TrediciFinale Tredici 4, chi muore nell’ultima stagione della serie Netflix

Il finale di Tredici 4 regala ai fan uno dei colpi di scena più sgraditi di tutta la serie televisiva Netflix. Per intenderci: le ultime due puntate di 13 Reasons Why sono davvero belle, e il decimo episodio offre uno spaccato su un tema attuale e sentito molto più vicino in questo periodo per via del Covid-19, ma nessuno avrebbe mai voluto dire addio a uno dei protagonisti assoluti della storia sin dalla prima stagione. Chi muore in Tredici 4? Fate un respiro profondo e preparatevi al peggio: parliamo di Justin Foley, interpretato dall’attore Brandon Flynn, sul cui profilo Instagram è ovviamente esplosa la polemica perché Justin era  anche uno dei personaggi più amati, e tra l’altro era stato presentato in questa quarta stagione come quello che più di tutti aveva fatto i conti con il passato. Pronto più di ogni altro per il college e pur tra mille difficoltà a una vita nuova.

Tredici 4 finale, Justin Foley muore: la story line tra droga, Jessica Davis e Clay Jensen

Non pochi temevano che a morire sarebbe stato lui ma serviva la messa in onda dell’ultima stagione di Tredici per confermarlo. E la conferma è arrivata. Amara. Amarissima. Justin torna a casa e rompe con Jessica Davis perché una storia d’amore con lei lo avrebbe ostacolato: deciso a continuare il suo recupero dalla tossicodipendenza, ha preferito lasciar perdere la ragazza, che lo aveva aspettato sin dall’inizio della terapia, per concentrarsi su sé stesso. Jessica prenderà a vedere Diego per dimenticare Justin e per cercare di evitare che, in combutta con Winston Williams, il giocatore inizi a sospettare di lei, di Alex Standall e di tutto il gruppo per l’omicidio di Bryce Walker e per la falsa accusa a Montgomery de la Cruz. Ciò manderà in crisi Justin che anche a causa della cattiveria inaudita di Clay Jensen, purtroppo mentalmente instabile e inconsapevole delle proprie azioni, ricadrà nella droga. Questa più o meno la story line di Foley fino al nono episodio di Tredici 4.

Anticipazioni Tredici 4, come muore Justin: l’ultima puntata di 13 Reasons Why

A quel punto accade che per ripulirsi di nuovo Justin decide di non partecipare al ballo di fine anno, salvo poi ripensarci per riconquistare Jessica ed evitare che finisca per innamorarsi davvero di Diego; al ballo i due faranno pace e inizieranno a ballare assieme a tutti gli altri: un clima di festa che purtroppo sarà interrotto dallo svenimento improvviso di Justin. Ed è all’inizio del decimo episodio di Tredici, una lunghissima puntata finale, che i fan si troveranno messi dinanzi a una verità inaspettata: Justin non ha mai fatto il test dell’HIV, quindi non si è mai sottoposto a un vero controllo e il virus è stato la causa del peggioramento di alcune malattie preesistenti che gli impediranno di respirare autonomamente.

La morte di Justin in 13 Reasons Why: l’attualità della terapia intensiva e dell’eutanasia

A Clay e alla famiglia Jensen, a Jessica e a tutti gli amici del giocatore di football, non resterà che accettare la cruda realtà: Justin non può salvarsi e l’ospedale lavorerà solo per regalargli una morte dolce. Si assiste infatti a un racconto molto lento che in un certo senso ci fa vivere l’ansia e la paura dei personaggi, ci intrappola nel limbo di una vita sospesa che prima o poi dovrà andar via. Fin quando questo non accade davvero e di Foley, il ragazzo dalla vita disastrata che era riuscito a farcela, non resteranno che i ricordi. Sono momenti toccanti, quelli del decimo episodio, anche perché vediamo con i nostri occhi realtà di cui abbiamo sentito spesso discutere in questi giorni: si parla di terapia intensiva ed eutanasia, e la colonna sonora fa il resto.

Tredici 4, era necessaria la morte di Justin? Polemica social, Instagram assediato

Era davvero necessario questo finale per Tredici 4? Bisognava per forza salutare i fan con un colpo di scena che priva la serie di uno dei personaggi più amati? Perché questa scelta? L’ultima puntata è stupenda proprio perché a morire è lui, a cui tutti eravamo affezionati; ma ce n’era il bisogno? La lettera che Justin scrive su Clay, quando ammette che Jensen è stato “la sua influenza positiva”, è uno dei momenti più belli di tutte le stagioni; ma forse un altro finale era possibile. Sì, sapevamo che sarebbe stata dura – ce lo avevano fatto capire in tanti modi – ma avremmo preferito salutare i nostri personaggi felici, magari con Jessica e Justin mano nella mano verso la nuova difficile ma bellissima vita del college. Forse è troppo romantico ma in fondo dopo la morte di Hannah Baker ce lo meritavamo. Qui sotto l’ultimo post dell’attore in cui i fan si stanno scatenando:

Amo il trash. Amo Malgioglio. Amo Tina Cipollari. Adoro Maria De Filippi

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in Televisione

Post Popolari

Scelti per voi

To Top