Connect with us
ghali su willy

News

Ghali, il post amaro sulla morte di Willy: “Io l’ho scampata per un pelo”

La tragedia di Colleferro ha visto il giovane 21enne Willy Monteiro Duarte morire dopo aver subito un pestaggio a sangue ad opera dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi (in manette anche Mario Pincarelli e Francesco Belleggia. I quattro, però, al primo interrogatorio hanno negato di aver picchiato il ragazzo). Sull’omicidio pende anche l’aggravante razziale su cui sono in corso le valutazioni degli inquirenti.  Sulla vicenda è intervenuto il rapper Ghali, con un lungo messaggio su Instagram. Il cantante, nato a Milano e con genitori di origini tunisine, ha esordito con un secco “Giustizia per Willy Monteiro Duarte” per poi descrivere i fatti e spiegare che lui stesso si è trovato in condizioni simili in passato scampandola per un pelo. Un messaggio amaro, sofferente…

Ghaly: “Willy Monteiro Duarte ucciso dall’ignoranza”

Willy è stato ucciso dall’ignoranza, dall’odio, dal razzismo“, scrive Ghali, parlando di “problema ricorrente nel nostro Paese”. Dopodiché l’artista milanese fa un salto nel passato ricordando alcuni episodi che lui stesso ha vissuto in prima persona e “in cui l’ha scampata per un pelo”. Rimembra così quegli attimi di paura e terrore in cui non resta che attender che si stanchino di “tirare calci e pugni”, in cui “chiedi pietà e il perché sperando di riuscire a rialzarti da terra”. L’episodio ha scosso tutta la Penisola per la brutalità e la ferocia con cui si è svolto. E soprattutto perché a perdere la vita è stato un giovanotto che viene descritto da chi lo conosceva come un ragazzo solare e simpatico, la cui unica colpa è stata quella di difendere un amico.

Ghali e il post amaro sulla vicenda di Willy

Willy, continua sempre Ghali, rappresentava gli “occhi della nuova generazione, di chi è stanco di fare a pugni, di chi cerca altro”. Dolore che si mescola ad amarezza e perdita della pazienza quello del rapper. Si, perché lui sa, lui ci è già passato da certe situazioni e conosce bene il clima ‘spericolato’ che si respira in certe zone periferiche delle città dove ci sono dei ‘branchi’ rabbiosi, rapiti, ahi noi, da alcuni ideali del Secolo Breve. Quegli stessi ideali che portarono a morte milioni di persone. Altrimenti detto razzismo. Evidentemente, per qualcuno, le tombe o peggio ancora le fosse comuni hanno un sapore nostalgico anziché di ribrezzo. Forse è meglio che tali persone, se non hanno voglia di leggersi qualche libro di storia, si ascoltino almeno Jovanotti che così canta in uno dei suoi famosi brani: “La storia ci insegna che non c’è fine all’orrore, la vita ci insegna che vale solo l’amore.”

View this post on Instagram

Giustizia per Willy Monteiro Duarte. 21 anni, era intervenuto per calmare una rissa ed è stato pestato a sangue fino a non respirare più. Willy è stato ucciso dall’ignoranza, dall’odio, dal razzismo e dagli ideali di 4 ragazzi del quale i familiari hanno risposto dicendo: “era solo un immigrato”. È un problema ricorrente nel nostro paese e mi ha fatto tornare in mente alcuni episodi della mia vita in cui l’ho scampata per un pelo, in cui aspetti che si stanchino di tirare calci e pugni, in cui chiedi pietà e il perché sperando di riuscire a rialzarti da terra. I veri criminali sono altri, i veri atleti sono altri. Gli occhi di Willy sono altri. Gli occhi della nuova generazione, di chi è stanco di fare a pugni, di chi cerca altro, di chi a differenza mia e dei miei coetanei non ha bisogno di ribadire dei concetti basilari come quelli sulla violenza. Che questo sia l’ennesima sveglia per quanto sia inimmaginabile il dolore dei suoi cari. È così egoista fare di una tragedia una lezione ma infondo spero che lo sia per tutti. Siamo stanchi, il pentimento tardivo non serve a nulla in casi come questo. Giustizia per Willy ???????? #giustiziaperwilly

A post shared by GHALI (@ghali) on

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in News

Post Popolari

Scelti per voi

To Top