Connect with us
Gabriele Muccino difende i Maneskin

Musica

Critiche ai Maneskin: interviene Gabriele Muccino, lezione spettacolare

Il regista de L’ultimo bacio incensa la band romana e la difende da coloro che l’hanno criticata facendo paragoni poco azzeccati

Maneskin strepitosi, ma non per tutti. Sabato 9 luglio Damiano David e soci hanno incendiato Roma, accedendo i 70mila del Circo Massimo. C’è stato tutto ciò che orbita attorno a delle rockstar globali quali sono ormai i membri della band capitolina: adrenalina, pubblico mastodontico in delirio, vip internazionali a cantare a squarciagola (Angelina Jolie ha rubato la scena a tutti) e un fiume di energia. Tutti ad applaudire? No. Qualcuno sui social ha provato a sminuire il talento e il successo del gruppo. Su tale questione è intervenuto un altro grande artista italiano noto a livello mondiale, Gabriele Muccino.

Il regista, dopo il concerto, ha dedicato un postsui suoi profili social ai Maneskin, incensandoli sia dal punto di vista artistico sia dal punto di vista umano. Qualcuno ha però storto il naso, non trovandosi d’accordo con il cineasta il quale ha così replicato, dando una lezione spettacolare a coloro che non sono in grado di riconoscere la grandezza di alcuni personaggi.

“This is Måneskin. Il resto lo avete già capito. Se non l’avete ancora capito, lo capirete. Vent’anni e tutta la vita da prendere a morsi. Torni a casa ripensando ai tuoi, di vent’anni. E a quanto questi quattro ragazzi siano bravi, puri, speciali, senza pelle e le spalle già così forti. Grande spettacolo, grandi loro”. Così Muccino su Instagram. Qualcuno ha mugugnato, iniziando a fare paragoni con altri musicisti nel tentativo di ridimensionare il valore della band. Il regista ha rimesso le cose a posto.

“Immenso Era Morrison, Jim. Abbiamo la memoria corta”, ha chiosato un utente. Secca la risposta di Muccino: “Abbiamo che ce rode tanto quando abbiamo davanti il talento di altri per noi inarrivabile. Diamogli un nome”. C’è poi chi ha menzionato i Led Zeppelin e i Beatles: “Se penso ai miei vent’anni, penso ai poster dei Beatles e dei Led Zeppelin… E naturalmente penso che oggi, ti danno qualcosa di analcolico e la chiamano birra”. Altra lezione di Muccino, che in questo caso si è affidato a una sottile ironia: “E se penso all’antica Roma penso che usavano la lira per suonare e poi arrivò l’arpa. Pensa! Le cose mutano“.

“Ne riparliamo tra dieci anni”, ha obiettato qualcuno, lasciando intendere che il fenomeno Maneskin potrebbe essere un fuoco di paglia. Anche in questo caso il regista de La ricerca della felicità non ha fatto sconti, ricordando quello che dicevano di lui nel 2001, l’anno in cui uscì L’ultimo bacio, film che lo lanciò nell’olimpo della cinematografia: “Sarai lì ad aspettarli al varco? Fatti una vita. C’è gente che disse lo stesso di me nel 2001. Consiglio spassionato!”.

Maneskin, nuova condanna alla guerra e a Putin

Come già fatto qualche settimana fa dal palco americano del Coachella, Damiano David ha condannato fermamente l’invasione russa in Ucraina, dove da ormai più di quattro mesi si combatte senza sosta e con continui spargimenti di sangue. In particolare il frontman della band se l’è presa con il numero uno del Cremlino, Vladimir Putin, mandandolo ripetutamente e letteralmente a quel paese.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in Musica

Post Popolari

Scelti per voi

To Top