Connect with us
cesare cremonini papà giovanni

Musica

Cesare Cremonini: il grazie a Bologna e il ricordo del padre

cesare cremonini papà giovanniCesare Cremonini ringrazia Bologna e dedica un pensiero al padre: Giovanni è mancato lo scorso settembre

Cesare Cremonini, che oggi sbarca nei negozi e in digitale con “Cremonini 2C2C The Best of”, verrà celebrato lungo la giornata di domani sabato 30 novembre nella sua città natale, l’amata Bologna. Il cantautore, per gli eventi a lui dedicati, ha scritto un lungo post su Instagram dove ha colto l’occasione per ricordare il padre che è di recente scomparso. Papà Cremonini è venuto a mancare il 16 settembre 2019, all’età di 94 anni dopo una vita spesa con indosso il camice (medico di base dai primi anni ’50 a San Lazzaro, ha curato centinaia di famiglie).

“Se ci fosse ancora mio padre lo porterei proprio lì”. Il cantautore ricorda papà Giovanni scomparso poche settimane fa

“Sto tornando a casa. Domani la mia carriera compie vent’anni ed è a Bologna che voglio svegliarmi”, scrive Cesare su Instagram, aggiungendo: “Circondato dalle persone più care, fare colazione sotto ai portici, prendermi il mio tempo. In Piazza Maggiore, proprio sotto a Palazzo D’Accursio, un pianista del Conservatorio Martini suonerà per l’intera giornata le mie canzoni al pianoforte“. In questo momento s’innesta il ricordo di papà Giovanni: “Se ci fosse ancora mio padre lo porterei proprio lì. Ma forse non serve. Credo che per nulla al mondo si perderebbe il vedermi sorridere così. Ci sarà”. Il cantautore ha poi concluso, ricordando gli altri eventi in programma nel capoluogo dell’Emilia-Romagna.

View this post on Instagram

Sto tornando a casa. Domani la mia carriera compie vent’anni ed è a #Bologna che voglio svegliarmi. Circondato dalle persone più care, fare colazione sotto ai portici, prendermi il mio tempo. In Piazza Maggiore, proprio sotto a Palazzo D’Accursio, un pianista del @conservatoriomartini suonerà per l’intera giornata le mie canzoni al pianoforte. Se ci fosse ancora mio padre lo porterei proprio lì. Ma forse non serve. Credo che per nulla al mondo si perderebbe il vedermi sorridere così. Ci sarà. Il @comunedibologna mi ha fatto anche questa sorpresa. ❤️ grazie. Anche Galleria Cavour, come fosse un teatro all’aperto in centro, festeggia mandando in filo diffusione per tutto il giorno le canzoni del mio nuovo album. Dopo cena ci sarà da divertirsi a girare per la città. I miei amici mi aspettano. In Via D’Azeglio, alle 18.30, accenderemo insieme le “Luminarie 2020 dedicate a Robin”. ??? Sarà una giornata da ricordare, che toglie il fiato. Io per stasera però, ho già un impegno. Inderogabile.. un fantastico.. tortellino!!! ? Ce #Cremonini2C2CTheBestOf #FollowYourDreams

A post shared by cesarecremonini (@cesarecremonini) on

Cesare Cremonini dopo la morte del papà: il video emozionante e il lungo messaggio

Cesare è stato molto legato al padre. Dopo la sua scomparsa ha pubblicato un emozionante video sui social, corredato da un lungo messaggio: “Eri nostro padre, mio e di mio fratello Vittorio, ma anche ‘al dutåur’, il dottore, per tutti gli altri. Scegliesti un angolo del mondo per cominciare. Un posto dove nessuno prima di allora aveva mai visto un medico. E dopo tutta una vita dedicata agli altri, hai visto? Oggi in tantissimi vogliono dirti grazie…”

View this post on Instagram

Eri nostro padre, mio e di mio fratello Vittorio, ma anche “al dutåur”, il dottore, per tutti gli altri. Scegliesti un angolo del mondo per cominciare. Un posto dove nessuno prima di allora aveva mai visto un medico. E dopo tutta una vita dedicata agli altri, hai visto? Oggi in tantissimi vogliono dirti grazie. Al posto mio avresti di sicuro smorzato l’emozione con uno dei tuoi proverbi. I tuoi pazienti sono stati i tuoi figli e io sono orgoglioso di essermi sentito pari a loro. Da ogni visita notturna tornavi con un regalo per me e mio fratello, e mi raccontavi chi erano le persone che avevi guarito. Ci hai insegnato così il valore dell’uguaglianza e della gratitudine nel fare parte di una comunità. Mi hai visto partire da un pianoforte più alto di me, appoggiato a un muro di casa, dove mi chiedevi di suonare la sera per toglierti la stanchezza, e mi hai visto arrivare dove ho sempre sognato. Non smetterò mai di pensarti e cantarti, perché con te il mondo era più bello. Ma se una canzone che stia al posto tuo non c’è, eccola qua. È come se fossi con me. Ciao babbo. Cesare

A post shared by cesarecremonini (@cesarecremonini) on

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in Musica

Post Popolari

Scelti per voi

To Top