Connect with us
Basciano anello

News

Basciano e Sophie, noto attore li fa a pezzi: “Niente invidia, ma vi spiego perché sono fenomeni da baraccone”

I cosiddetti ‘Basciagoni’ sono finiti in una bufera dopo essersi resi protagonisti di un siparietto discutibile sul red carpet di Venezia

Il red carpet di Venezia, tappeto rosso simbolo globale del cinema, è stato sfruttato da Alessandro Basciano e Sophie Codegoni per una proposta di matrimonio stucchevole, per usare un eufemismo. Naturalmente il gesto della coppia sbocciata al Grande Fratello Vip 6 è stata oggetto di una pioggia di critiche feroci. C’è chi ha accusato i due di ‘sciacallaggio’, chi ha parlato di pessimo gusto e chi li ha descritti come dei “fenomeni di baraccone”. Quest’ultima bordata è arrivata da un noto attore italiano, Alessio Vassallo (il Mimì Augello ne “Il giovane Montalbano”), il quale, tramite una serie di Stories Instagram, ha affrontato ampiamente l’argomento, riservando parole di fuoco ai due ex volti di Uomini e Donne e rendendo noto cosa pensano diversi suoi colleghi in merito alle irruzioni degli influencer nei luoghi ‘sacri’ della settima arte. Quella di Vassallo è stata un’analisi tanto lucida quanto cruda, che ha fatto a pezzi (ovviamente in senso metaforico) i ‘Basciagoni‘.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alessio Vassallo (@alessio_vassallo_)

Vassallo, che nella vita privata è legato a Ginevra Pisani, ha sottolineato che da parte degli attori non c’è alcuna invidia nei confronti degli influencer, in quanto la loro professione non va ad intaccare quella degli interpreti cinematografici, tantomeno le opere del grande schermo. Il problema, secondo Vassallo, è un altro: determinate trovate “sviliscono un posto sacro come Venezia”:

“Faccio questa storia perché tra i vari messaggi che mi stanno arrivando, una ragazza mi ha detto: “Non è giusto perché a voi tolgono quello che vi spetta“. Ragazzi, a noi sta gente non toglie nulla perché il mio studio, il mio sacrificio, il mio lavoro, quello resta. Per fortuna lavoro e alcune volte non ho neanche il tempo di promuovere quello che faccio. Mi è capitato di avere dei film in alcuni Festival dove io non sono potuto andare e c’erano “questi” a farsi le foto. Quindi a me personalmente non tolgono nulla. Ho la mia visibilità, ho la mia stampa, non è quello il problema. Il problema è che questi fenomeni da baraccone sviliscono un posto sacro come Venezia. Un posto fatto di storia, di immagini, di rivoluzioni. E il nostro settore, la nostra categoria è silentemente complice perché siamo schiavi di quattro, cinque borsette del ca…o!

Il 39enne palermitano ha proseguito, prendendo di mira anche Giorgia Soleri, la fidanzata di Damiano David (frontman dei Maneskin). La ragazza, di professione poetessa e influencer, non è stata menzionata esplicitamente, ma sono stati chiarissimi i riferimenti a lei rivolti:

“Basta con questi moralismi. Ci sono anche molti colleghi che sento che dicono: “Però, forse quella che c’ha i peli sotto le ascelle, l’altra è depressa… può essere di conforto“. (Perché poi ogni mese ne hanno una, una volta è depressa, una volta c’ha la bulimia…) Ma conforto di cosa? Sono depresso, mi aiuta leggere che una defice…e vende scarpe su Instagram è depressa? Ma stiamo dando i numeri. La verità è che una ragazza di 15 anni oggi non vuole andare al conservatorio, ma vuole vendere creme su Instagram? E abbiamo preso per il cu…o per vent’anni, poveraccio, Giorgio Mastrota che vendeva pentole e materassi. Io penso che la nostra categoria debba reagire e forse un segnale può essere che i grandi autori non diano più i loro film a Venezia per un anno o due, basta. Andassero a Venezia soltanto i fenomeni da baraccone. E so benissimo che Venezia non è solo il Red Carpet, ma anche un mercato. Ma un mercato che così viene avvelenato da sta gente qui. Io penso che la nostra categoria debba farsi sentire”.

Vassallo ha concluso aggiungendo altre dichiarazioni di fuoco, prendendosela con coloro che mettono continuamente in piazza le vicende della propria vita privata:

“Un’ultima precisazione: “fenomeno da baraccone” non è un’offesa; è la descrizione di persone che non avendo nulla da raccontare, da dire, sono disposte a mettere alla berlina tutti: la propria famiglia, la madre, il padre, le malattie, i figli, pur di avere 5 minuti di notorietà. Ed è quello che succede al Grande Fratello, nei social. Spesso, se li senti quando fanno interviste, è una roba surreale, metti in mezzo tua madre o tuo padre che non c’è più, il fratello ammalato, questa roba qui. Io la trovo veramente deprimente. Questi sono i fenomeni da baracconi”.


Anche Karina Cascella tuona su Sophie Codegoni e Alessandro Basciano

Tra le voci più critiche scatenatesi contro i ‘Basciagoni’ c’è stata quella di Karina Cascella, ex volto di Ued ed ex opinionista di Barbara d’Urso. “So che questi due ragazzi sono molto amati e sono molto carini, devo dire. – ha esordito la donna –. Come tanti ragazzi che si fidanzano e si vivono il momento, del resto. Però io credo che per certi versi si stia perdendo quello che è il vero significato della parola Amore. O, comunque sia, la spettacolarizzazione ci può anche stare, ma in un contesto diverso magari.”

La Cascella si è poi avventurata in un paragone tra i ‘Basciagoni’ e i ‘The Ferragnez’, pure loro protagonisti di una proposta di matrimonio pubblica all’Arena di Verona: “Ricordo Fedez inginocchiato su di un palco. Però era il suo palco. Il suo pubblico. L’attenzione era per lui. E lui la trasferì completamente sulla sua amata, chiedendole la mano. Quella era ed è una favola. Tutto il resto è una brutta copia. Non me ne vogliate ma sul tappeto rosso a Venezia, così, tutto molto triste e a favore di camera.”

“Che poi la domanda è: che cosa ci facevano anche loro a Venezia? Ma questa è un’altra storia. La storia di una manifestazione che un po’ ha perso il significato, esattamente come la parola amore sta perdendo sempre di più il suo valore”, ha concluso Karina. Insomma, l’idea di Basciano di chiedere la mano alla compagna sul red carpet è stata tutto fuorché un successo.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in News

Post Popolari

Scelti per voi

To Top