Connect with us

Verissimo

Raoul Bova commosso per il padre: “Tornerò a nuotare per lui, era fiero di me”

raoul bova piange per il papàRaoul Bova visibilmente commosso a Verissimo di sabato 3 marzo su Canale 5 mentre parla del padre Giuseppe, morto a gennaio.

Raoul Bova vuole tornare a nuotare per dedicare la vittoria al papà

“Con mio papà – racconta l’attore – parlavo sempre di voler tornare a nuotare perché c’è una categoria, quando cresci, che si chiama master e ci sono tanti ex nuotatori che nuotano, fanno i tempi, le staffette, i record. A papà, siccome avevo ripreso gli allenamenti di nuoto, avevo detto ‘mi piacerebbe vincere un titolo’. E lui mi disse ‘quando sei pronto dimmelo ché ti vengo a vedere’. Questa cosa qua è rimasta un po’ in sospeso… purtroppo. Secondo me lui è ancora con me. Io so che lui mi vedrà e questa gara la vedrà, la vorrei fare, vorrei fare una staffetta. C’è Filippo Magnini che ha smesso da poco, ho lanciato l’idea di questo sogno per il mio papà e lui l’ha accolta. Mi hanno chiamato anche Massimiliano Rosolino e Massimiliano Brambilla, il quartetto è formato, miriamo in alto, spero di fare un bel tempo che rimanga un po’ scritto e lo dedicherò a lui”.

Raoul Bova ricorda il padre scomparso

Bova ricorda il rapporto con il padre: “Mio papà è riuscito a trovare un equilibrio zen, viveva in campagna coltivando e facendo l’orto con le sue caprette, stava bene, viveva da solo. Lui per me era un pilastro, non parlarci più – anche se ci parlo ancora – mi ha fatto molto male. So che lui amava i suoi nipoti, Luna in particolare, mi vuole forte e sorridente. Di contrasti ne ho avuti pochi con lui, erano più i consigli e i silenzi che c’erano tra noi, confidavo le cose più intime, le perplessità, le mie insicurezze, dava un significato importante alle cose e faceva un sorriso”.

Raoul Bova trattiene a stento le lacrime quando gli viene mostrata una foto con il padre

Gli viene mostrata una foto con il papà e Bova a stento non riesce a piangere: “Lì vedo uno sguardo fiero. A me non dispiace parlarne perché sembra che, quando muore una persona, chissà cosa è successo. Sono contento di parlarne perché è giusto che sia ricordato. Tante cose che sono adesso è per merito suo. Fa piacere salutarlo e ricordarlo sempre”.

Fabio Traversa nasce a Bari l’11/01/1981 e, dopo alcuni mesi di vagiti e poppate, i suoi genitori si rendono conto che non riesce a fare a meno della lettura giornaliera di quotidiani, riviste, libri. Deve assolutamente essere a conoscenza dell’ultim’ora di cronaca, dei risultati di calcio e delle notizie sul panorama televisivo. E così al percorso scolastico (diploma al liceo classico e laurea in Giurisprudenza) si affianca il contatto diretto con il mondo del giornalismo (è pubblicista dal 21 ottobre 2003). Oltre a essere stato collaboratore di alcuni quotidiani locali o addetto stampa di enti pubblici o partiti ha curato (per oltre 10 anni) Reality&Show, fiore all’occhiello della blogosfera nella sezione spettacoli, e ha scritto per Tvblog.it e Soundsblog.it. Da gennaio 2018 è autore su Altrospettacolo.it e Gossipetv.com.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Altro in Verissimo

Post Popolari

Scelti per voi

To Top