Connect with us
Una foto in primo piano di Pink

News

Pink e figlio Covid-19: “Cosa spaventosa”, racconto della cantante (Video)

Una foto in primo piano di Pink

News Pink, il racconto del Coronavirus a Ellen Degeneres: la cantante preoccupata

Come tutti sapete, anche Pink e suo figlio Jameson hanno contratto il Coronavirus. La cantante ne ha parlato con Ellen De Generes su Instagram mostrando tutto il suo spavento e le difficoltà che ha avuto assieme al figlio: si è trattato – ha ammesso Pink senza girarci attorno – di uno dei capitoli più spaventosi della sua vita. Terrificante.  “A un certo punto – queste le parole della cantantemi sono svegliata nel mezzo della notte e non potevo respirare”. Un racconto che si fa complicato, quello di Pink, come potete ben vedere dal filmato condiviso su Instagram da Ellen e che vi riproponiamo qui di seguito.

Pink Coronavirus: “La cosa più spaventosa della mia vita”, poi le parole sul figlio

Il respiro di Pink si è fatto sempre più difficile, doveva usare per forza il nebulizzatore per farlo “per la prima volta in trent’anni”. Pink ha anche aggiunto che non avrebbe potuto fare nulla senza l’apparecchio medico: “Così ho iniziato a spaventarmi davvero”, ha ammesso spiegando pure che la situazione è peggiorata quando il figlio ha iniziato a sentire forti “dolori al petto” e ad avere le medesime difficoltà respiratorie. “Questa – ha dichiarato a un certo punto – è stata la cosa più spaventosa che abbia mai vissuto in tutta la mia vita”. Il suo insomma è il racconto di una donna come tante che si è trovata ad affrontare una situazione nuova, incerta. E che avrebbe potuto avere degli esiti devastanti.

Covid-19, Pink e il figlio sono guariti: “Siete i nostri eroi”, il ringraziamento al personale ospedaliero

Per fortuna sappiamo che Pink e Jameson sono stati controllati due settimane dopo e i risultati sono stati negativi, come lei stessa ha rivelato su Instagram. Ricordiamo che la cantante ha deciso di donare un milione di dollari per aiutare coloro che non possono ricevere le cure e i trattamenti a cui lei grazie alle sue disponibilità economiche ha potuto avere accesso. Infine un messaggio bellissimo per tutto il personale ospedaliero: “Siete i nostri eroi!”. Un messaggio che non possiamo che riportare anche qui e condividere a pieno.

Continua a leggere
Potrebbe interessarti...

Amo il trash. Amo Malgioglio. Amo Tina Cipollari. Adoro Maria De Filippi

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in News

Post Popolari

Scelti per voi

To Top