Connect with us
libero de rienzo indagine

News

Morte Libero De Rienzo, svolta nel caso: un arresto, cosa è emerso

Un uomo è finito in manette con l’accusa di aver venduto droga all’attore

Svolta nel caso Libero De Rienzo, l’attore napoletano morto a 44 anni nel suo appartamento romano. Inizialmente si è parlato di infarto, ma le condizioni in cui è stato trovato l’artista hanno subito destato sospetti sulle reali cause del decesso che potrebbero essere da ricercare anche nell’assunzione di sostanze stupefacenti (si è in attesa degli esiti dei test). Nel frattempo un uomo originario del Gambia, Mustafa Lamin, 31 anni, è stato arrestato con l’accusa di aver venduto eroina all’interprete e ad altre persone.

Come spiega Il Fatto Quotidiano, il fermo è stato disposto dalla procura di Roma ed è stato eseguito il 26 luglio. Quindi la convalida del gip oggi 28 luglio.

Il 15 luglio scorso Libero De Rienzo è stato rinvenuto privo di vita. All’origine della morte un infarto. Resta da capire se il malore sia stato innescato da cause naturali oppure da sostanze stupefacenti. Come poc’anzi accennato, nell’abitazione dell’attore, è stata trovata anche dell’eroina. Una situazione che ha spinto la Procura di Roma ad avviare un’inchiesta per ‘morte in conseguenza di altro reato’.

Libero De Rienzo: le indagini che hanno permesso di arrivare allo spacciatore

Alla luce del lavoro degli inquirenti è poi stata disposta l’autopsia sul corpo della vittima. I carabinieri hanno svolto accertamenti nell’ambiente dello spaccio nelle aree limitrofe alla casa di De Rienzo. Le indagini hanno condotto gli agenti al quartiere di Torre Angela dove sono scattate le manette per Mustafa Lamin, colto in flagranza del reato di spaccio.

Il pusher gestiva i suoi affari illeciti “a domicilio”, usando le linee della metropolitana per spostarsi rapidamente tra le varie aree della Capitale per le consegne di droga.

A condurre gli inquirenti a Mustafa sono stati i tabulati telefonici che hanno permesso di individuare la posizione esatta di Lamin che, proprio nelle ore precedenti alla scomparsa di Libero, si trovava nei pressi della sua dimora. Vale a dire che nel pomeriggio del 14 luglio era nel luogo in cui poi è morto l’attore.

Nel corso della perquisizione effettuata nell’appartamento del 31enne spacciatore, nella stanza in uso ad un secondo cittadino gambiano sono stati sequestrati 7,7 grammi di eroina. Lamin ora è in carcere a Regina Coeli, oltre che per diversi episodi di spaccio nei confronti di altri soggetti, anche per aver ceduto la droga a De Rienzo.

Continua a leggere
Potrebbe interessarti...
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in News

Post Popolari

Scelti per voi

To Top