Connect with us

Avanti un altro

Michele Volpe è morto: ‘Michelone’ fu valletto di Avanti un altro

michele avanti un altro codinoNella scorsa notte è morto Michele Volpe, detto “Michelone”: fu valletto ad Avanti un Altro e fece altre comparse sul piccolo schermo nelle serie tv Distretto di polizia e Codice Rosso

Michele Volpe, detto “Michelone“, è morto nella notte scorsa. Si è spento a 47 anni nella casa in cui viveva con il figlio Manuel e con la madre. Ed è stata proprio la mamma a rinvenire il suo corpo senza vita, nel letto. La causa del decesso sarebbe da attribuire all’eccessiva stazza del suo corpo, come riportato dalla testata giornalistica Terni in rete che ha dato la notizia. Da quando era arrivato a pesare intorno ai 200 kg, le sue condizioni di salute erano peggiorate di molto, in quanto aveva cominciato anche a soffrire di intense crisi respiratorie. Impossibile non riconoscerlo per via della sua corporatura e dell’immancabile codino, che, tra l’altro, non sono passati inosservati in Tv.

Michele Volpe e le apparizioni in Tv: da Distretto di polizia a Codice rosso, fino ad Avanti un Altro, il preserale condotto da Paolo Bonolis

Michele era un frequentatore abituale di palestre. Poi è incappato in un brutto incidente stradale, che gli ha procurato dei seri problemi a un piede. Inoltre il brutto episodio lo ha tenuto lontano dalla palestra e dagli allenamenti. Il peso ha così continuato ad aumentare fino a divenire un problema di non poco conto. Michelone ha anche tentato la fortuna sul piccolo schermo partecipando come comparsa a qualche episodio delle serie Tv “Distretto di polizia” e “Codice rosso”. La sua apparizione più nota rimane però quella che lo vide fare il valletto per una puntata al programma “Avanti un altro”, il pre serale di Canale 5 condotto da Paolo Bonolis.

I funerali di Michele Volpe si terranno sabato 29 dicembre a Padova

Sempre la testata giornalistica Terni in rete, fa sapere che i funerali si svolgeranno sabato 29 dicembre, alle ore 15, nella chiesa di Sant’Antonio di Padova

Continua a leggere
Potrebbe interessarti...
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in Avanti un altro

Post Popolari

Scelti per voi

To Top