Connect with us
Claudio Sona contro Live non è la d'Urso

News

Claudio Sona, lo sfogo contro Live non è la d’Urso: “Si è toccato il fondo”

Claudio Sona contro Live non è la d'UrsoClaudio Sona contro Live non è la d’Urso: “Trasmesso l’esempio più becero di aggressione ai diritti delle minoranze”

Quello che è accaduto ieri sera a Live non è la d’Urso ha indignato buona parte del pubblico. E stamattina anche Claudio Sona, ex tronista di Uomini e Donne, ha voluto dire la sua. Ma che cosa è successo? Barbara, nel suo studio, ha ospitato due uomini di cui spesso e volentieri si sente parlare per i loro modi di fare un po’ ‘fuori dalla norma’ per un confronto con quattro sferate. Stiamo parlando di Vittorio Sgarbi e Vittorio Feltri che si sono dovuti scontrare con Vladimir Luxuria, Alda D’Eusanio, Elenoire Casalegno e Veronica Maya.  La più attaccata è stata l’ex parlamentare. Sia il critico d’arte e sia il direttore di Libero si sono scagliati contro di lei usando toni fin troppo forti. Entrambi si sono rivolti a lei utilizzando parole che non sono piaciute a nessuno.

Claudio Sona deluso da Live Non è la d’Urso: “Violenza verbale e incontrollata”

Gli utenti del web, così, hanno mostrato la propria solidarietà nei confronti di Vladimir. Poche ore fa a loro si è aggiunto anche Claudio Sona, che ha dichiarato la sua delusione nei confronti del talk show di Canale Cinque. L’ex tronista si è prima sfogato tramite le sue Stories e poi ha scritto un lungo post: “Ieri, durante la trasmissione ‘Live non è la D’Urso’, è stato trasmesso l’esempio più becero di aggressione ai diritti delle minoranze senza che, nemmeno uno dei presenti e in primis la conduttrice, si attivasse per riportare la discussione nei confini di un civile confronto. Che sia stata Vladimir Luxuria – verso cui va la mia stima per il coraggio e per l’impegno profuso a favore dei diritti della comunità Lgtb – oppure uno sconosciuto ragazzo di periferia, a dover sopportare il peso di questo duro attacco discriminatorio, poco importa; quello che rileva è l’aggressione consumata, con violenza verbale incontrollata, nei confronti di una persona considerata diversa. Aggressione che in nessun paese, definito evoluto, si dovrebbe tollerare o permettere”.

View this post on Instagram

Ieri, durante la trasmissione “Live non è la D’Urso”, è stato trasmesso l’esempio più becero di aggressione ai diritti delle minoranze senza che, nemmeno uno dei presenti e in primis la conduttrice, si attivasse per riportare la discussione nei confini di un civile confronto. Che sia stata Vladimir Luxuria – verso cui va la mia stima per il coraggio e per l’impegno profuso a favore dei diritti della comunità Lgtb – oppure uno sconosciuto ragazzo di periferia, a dover sopportare il peso di questo duro attacco discriminatorio, poco importa; quello che rileva è l’aggressione consumata, con violenza verbale incontrollata, nei confronti di una persona considerata diversa. Aggressione che in nessun paese, definito evoluto, si dovrebbe tollerare o permettere. Non basta sfilare oppure fare grandi dichiarazioni d’intenti, il rispetto e la difesa dei diritti di ciascuno in nessun caso possono prescindere da una pubblica condanna di attacchi consumati a danno delle minoranze… nemmeno quando si è alla ricerca del facile consenso!

A post shared by Claudio Sona (@realclaudiosona) on

Claudio ha così concluso: “Non basta sfilare oppure fare grandi dichiarazioni d’intenti, il rispetto e la difesa dei diritti di ciascuno in nessun caso possono prescindere da una pubblica condanna di attacchi consumati a danno delle minoranze… nemmeno quando si è alla ricerca del facile consenso!”. Le sue parole hanno raccolto davvero molti consensi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in News

Post Popolari

Scelti per voi

To Top