Connect with us
barbara palombelli mezzo busto

News

Barbara Palombelli non cambia idea dopo la bufera: “Dobbiamo interrogarci”

Ieri il discorso a Lo Sportello di Forum sul femminicidio ha sollevato una polemica, oggi il nuovo messaggio della conduttrice

AGGIORNAMENTO DEL 17/09/2021, ORE 22.40: Barbara Palombelli è intervenuta a Quarto Grado e ha chiesto scusa per il suo discorso. Queste le sue parole: “Chiedo scusa se qualcuno sentendo solo quella frase ha capito che io sono passata dall’altra parte, cioè a giustificare i femminicidi. Non c’è niente di più lontano da me, dalla mia storia, da quello che ho scritto e detto nella mia vita professionale. Quello era un altro discorso che si inseriva in una storia di rabbia particolare nella causa di Forum”.

Barbara Palombelli è finita nella bufera social, ma era una bufera preannunciata. Le sue parole sono state dure, pesanti e non hanno trovato d’accordo nessuno. O quasi. Tanti si sono scagliati contro di lei, in realtà, perché per tanti è inaccettabile dire che bisognerebbe capire se una donna che vive violenze o peggio viene uccisa può aver in qualche modo provocato l’uomo, con comportamenti “esasperanti e aggressivi”. Parole effettivamente inaccettabili, soprattutto perché pronunciate in televisione e con milioni di italiani all’ascolto. Ma la Palombelli non ha cambiato idea, si è mostrata convinta anche oggi. Anche in virtù del fatto che ha parlato durante Lo Sportello di Forum, un’aula di tribunale televisiva.

La giornalista è intervenuta su Facebook dopo le polemiche che ha suscitato il suo discorso di ieri sul femminicidio. Ha introdotto l’argomento spiegando che la violenza familiare e il crescendo di aggressività che porta una persona a togliere la vita a un’altra richiedono delle indagini approfondite e accurate. Indagini che, secondo lei, pongono la gente davanti a diversi interrogativi:

“Quando un uomo o una donna non controllano la rabbia dobbiamo interrogarci. Stabilire ruoli ed emettere condanne senza conoscere i fatti si può fare nei comizi o sulle pagine dei social, non in tribunale. E anche in un’aula televisiva si ha il dovere di guardare la realtà da tutte le angolazioni”

Insomma, è palese che sia convinta di ciò che ha detto, visto che lo ha ribadito. In fondo non è errato dire che durante un processo in tribunale vengono passate in esame tutte le dinamiche, tutti gli scenari e vengono ricostruiti i fatti. Allo stesso tempo qualcuno potrebbe dire che Forum è paragonabile a un tribunale, sebbene sia un programma televisivo. Ma tutto questo si ferma, deve fermarsi davanti al fatto che si tratta di un mezzo di comunicazione potente e di massa: non sai chi c’è all’ascolto in quel momento. Sono state parole fuori luogo o un pensiero articolato in modo sbagliato. Chi si aspettava una riformulazione del pensiero, però, è rimasto deluso.

Il periodo storico, poi, è quello che è: il femminicidio e la violenza sulle donne sono veri e propri problemi sociali. Rendere vittima il carnefice, o fornire una giustificazione a un potenziale carnefice, non è accettabile. Con buona pace della Palombelli, che dovrà accettare le critiche che arrivano dalle “pagine sui social”, come le ha chiamate lei, stavolta.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in News

Post Popolari

Scelti per voi

To Top