Connect with us

L'angolo delle interviste

Cherry Season: l’intervista a Emanuele Ruzza, la voce di Ayaz

emanuele ruzza doppiatore ayaz serkan cayogluCherry Season: intervista esclusiva al doppiatore di Ayaz, Emanuele Ruzza

Sempre un passo avanti rispetto agli altri, noi di Gossip e Tv abbiamo contattato il gentilissimo e bravissimo doppiatore Emanuele Ruzza, colui che presta la voce ad Ayaz Dincer, l’affascinante protagonista di Cherry Season. Super disponibile, Emanuele ci ha raccontato un pò del suo privato, dei suoi progetti e dell’esperienza di doppiaggio avuta con la soap turca. Il giovane e talentuoso Emanuele Ruzza, classe 1986, fa parte del magico mondo del doppiaggio e vanta già un curriculum di tutto rispetto. Desideroso di condividere con noi la sua “avventura” nel mondo di Cherry Season, abbiamo chiesto ad Emanuele come si è strutturata la prima fase del doppiaggio della soap:

” Come già saprete, Cherry Season era un progetto che doveva approdare su Canale 5 nell’estate del 2015. In seguito è stato deciso di mandarlo in onda un anno dopo e quello che posso dirvi è che il doppiaggio delle prime 60 puntate era già pronto da Luglio 2015. Al momento abbiamo doppiato gran parte degli episodi della prima stagione.”
Quale sarà il destino della soap, visto che in questi giorni si sta parlando di sospensione? Questo purtroppo Emanuele Ruzza non può o non sa dircelo, in ogni caso terremo i fan aggiornati. Se invece vi va di conoscere a fondo le passioni di Emanuele, sappiate che come Serkan Cayoglu è un appassionato di telefilm.

” I miei telefilm preferiti sono quelli che non doppio o dove ho personaggi minori, almeno non so nulla della trama! Ti posso dire che una serie che ho amato follemente è stata Breaking Bad mentre ho apprezzato molto anche Californication, ma la vedevo in un modo molto più spensierato, i toni della serie sono molto leggeri. Un posto speciale nel mio cuore lo dedico a Le regole del delitto perfetto – in arrivo la terza stagione in America dal 22 settembre- dove doppio uno dei protagonisti Wes Gibbins. La serie è stata un trampolino di lancio per me, da lì in poi ho fatto cose sempre più belle e famose. Amo molto Better Call Saul, lo spinoff di Breaking Bad ed infine Narcos e Stranger Things. Posso affermare senza dubbio che sono un amante di Netflix e delle sue serie originali.”

Ma arrivando a parlare di Cherry Season, abbiamo domandato ad Emanuele come abbia vissuto l’esperienza in merito a questo doppiaggio e se sia rimasto affascinato nello scoprire nuovi usi e costumi di un altro paese. 

“Si, è stata una bellissima esperienza doppiare Cherry Season! La Turchia è un universo completamente diverso dal nostro. Le soap sono divertenti, i toni spesso esagerati possono risultare ai nostri occhi al limite del grottesco ma vi assicuro che interpretarle è tutta un’altra cosa! Spesso la musica, le scene che ti passano davanti agli occhi e il testo da leggere ti provocano sensazioni di empatia col personaggio davvero uniche.”

Ti ricordi qualche scena in particolare? 

” Sicuramente la lite con Derin, quando Ayaz scopre che Öykü partirà per l’Italia e l’episodio dell’incidente in cui Öykü perde la memoria. Quelle sono scene dotate di una forte carica emotiva, è impossibile non farsi trascinare.”

Ti è piaciuto doppiare il personaggio di Ayaz? Condividi le sue scelte o hai trovato la sua personalità ed il suo modo di fare un pò troppo da “principe azzurro”, soprattutto durante lo sviluppo della loro relazione?

“Ho trovato il personaggio di Ayaz a tratti un po’ troppo fiabesco, ma sono scelte dettate dalla trama e spesso funzionano. Dovete sapere che inizialmente ho incontrato parecchie difficoltà a doppiarlo, nella prima stagione a causa del suo forte accento tedesco Serkan è stato doppiato da un attore turco. Il doppiaggio in Turchia evidentemente non è collaudatissimo come da noi, e molte volte la voce arrivava dopo i primi battiti labiali dell’attore generando dei fuori sincrono incredibili. Per questo non potevo basarmi su ciò che sentivo, ma soltanto su quello che vedevo e iniziare a parlare prima che lo facesse il doppiatore turco di Ayaz.”

Hai mai doppiato assieme a Gaia Bolognesi, la doppiatrice di Oyku? I fan amano sapere se in sala doppiaggio lavorate insieme. Raccontaci infine la tua tipica giornata di lavoro.

“Per quanto riguarda il doppiaggio con Gaia Bolognesi, ho doppiato qualche scena insieme a lei ma purtroppo dipende molto dalle disponibilità di entrambi e anche da quante scene hanno recitato insieme Öykü e Ayaz nello stesso episodio.”

“La mia giornata di lavoro, come quella di molti colleghi si struttura su 3-4 turni di doppiaggio al giorno. Ogni turno dura 3 ore, c’è un massimo di righe da rispettare in base all’opera che si doppia (per le soap sono 220 di media per turno). Tutte queste righe, potrebbero corrispondere all’incirca a 3 episodi di un protagonista se si contano soltanto i momenti in cui appare e le effettive battute che pronuncia per ogni episodio.”

Com’è nata la tua passione per il doppiaggio? Hai sempre sognato di fare questo mestiere?

“Ho sempre voluto fare l’attore, ho studiato recitazione a Roma e ho frequentato numerosi workshop in giro per l’Italia. Investo molto sulla mia formazione. Ho recitato in “Che Dio ci aiuti” con Elena Sofia Ricci, qualche corto indipendente e piccoli ruoli al cinema. Poi il doppiaggio mi ha conquistato e non l’ho più mollato. Per questo non smetterò mai di ringraziare la Pumais Due, (la società di doppiaggio fondata dal grande Renato Izzo) che mi ha allevato e reso partecipe di grandissime produzioni.”

C’è qualcosa che ti rende simile ad Ayaz? 

“A quanto ho capito abbiamo in comune il colore dei capelli e il telefonino. Scherzo! La passione per gli animali innanzitutto, il suo temperamento impulsivo e il suo animo romantico in continuo contrasto!”

Per amore faresti quello che ha fatto il tuo personaggio? Sei fidanzato e/o cosa faresti per conquistare una donna?

“Per amore farei di tutto, lo sa bene la mia ragazza con la quale sto insieme da quasi 6 anni!”

Esistono molti doppiatori che hanno creato anche il successo di determinate soap, un esempio è certamente Luca Ward in Cuore Selvaggio nei panni di Juan Del Diablo. Credi che il fenomeno Ayaz possa in qualche modo farti emergere e apprezzare sia come doppiatore che come attore?

“Sicuramente, faccio questo mestiere da anni e lo sapevano in pochissimi (amici compresi), ora grazie ad Ayaz ho una pagina fan su Facebook che ha già totalizzato più di 300 fan in meno di due settimane, i miei follower su Instagram sono raddoppiati e su Twitter sono addirittura triplicati! Oltretutto molti di loro stanno apprezzando lavori che ho doppiato in passato e mi rinnovano i compimenti per film che avevano visto dove non mi avevano riconosciuto!”

Hai progetti futuri ai quali stai già lavorando?

“Ne ho un bel po’, ma purtroppo non posso parlartene. Posso soltanto dirti che a breve riprenderò a doppiare le prossime stagioni delle serie che mi vedono tra i protagonisti. Ci sono anche dei film in progetto, tra cui un horror molto atteso che in America uscirà ad Ottobre. Il 29 settembre uscirà invece un film comico, Mike&Dave un matrimonio da sballo.

Se dovessi dare un consiglio ad un giovane amante del doppiaggio…. cosa gli diresti?

“Oltre a non avere fretta, gli suggerirei di studiare recitazione in un’accademia riconosciuta e di perfezionare la propria dizione mantenendo intonazioni naturali (elementi imprescindibili in questo mestiere) oltre ad assistere ai turni di doppiaggio il più possibile, di presentarsi in orario sempre, e di essere umili e cordiali anche con chi non lo sarà con loro. Sono le uniche armi che mi hanno distinto finora.”

Ringraziamo infine Emanuele Ruzza per la sua disponibilità e per averci dedicato parte della sua giornata. Gossip e Tv ha voluto regalare questa intervista ai suoi lettori, un modo in più per conoscere la bellezza del doppiaggio ed il lavoro eseguito per trasformare una soap turca in un prodotto di successo sulle reti Mediaset.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in L'angolo delle interviste

Post Popolari

Scelti per voi

To Top