Connect with us

News

Vlada Dzyuba: modella russa muore a 14 anni dopo aver sfilato per 13 ore

modella russa mortaCome è morta la modella russa Vlada Dzyuba? Per 13 ore di sfilate no stop

Shock nel mondo della moda. Una giovane modella russa di appena 14 anni, Vlada Dzyuba, è morta a causa delle troppe ore in passerella. Il decesso è avvenuto in Cina, a Shangai, dove la ragazza stava lavorando in questi giorni in occasione delle sfilate della settimana della moda. Come da contratto doveva lavorare solo tre ore alla settimana ma in realtà ha continuato a stare in passerella per tredici ore di fila, rigorosamente no stop. Prima di sfilare per l’ennesima volta l’adolescente è stata colpita da una forte febbre. Nonostante ciò, non si è fermata e ha continuato a lavorare. Pochi minuti dopo è svenuta, per poi entrare in coma. Secondo le prime ricostruzioni, rigorosamente riportate dal Siberian Time, il decesso sarebbe stato causato dalla meningite cronica aggravata da un grave esaurimento nervoso di cui da giorni soffriva Vlada. La giovane Dzyuba non era coperta da un’assicurazione medica e pertanto ora le forze dell’ordine hanno aperto un’indagine sulla vicenda.

La modella era malata da giorni ma aveva paura di chiedere aiuto medico

Vlada era dunque malata da giorni e si era confidata con la madre, che era rimasta in Russia. Il genitore aveva invitato la figlia a consultare il medico ma la modella si è negata. “Mi diceva che non si sentiva bene. ‘Sono così stanca – ripeteva – vorrei tanto dormire’. L’ho pregata di andare in ospedale”, ha raccontato disperata Oksana, la mamma della ragazza, alla tv russa NTV.  La mamma stava ottenendo un visto per raggiungere la giovane indossatrice ma non è riuscita a fare in tempo. Il caso, decisamente grave, ha ora sollevato preoccupazioni sulle condizioni di lavoro a cui sono sottoposte le modelle che lavorano in Cina.

Cina e la moda: aperta un’indagine sulle modelle che lavorano a Shangai

Il capo dell’agenzia di moda che aveva dato a Vlada la possibilità di partire per il suo viaggio di lavoro in Oriente ha invece ammesso di non aver controllato il contratto della ragazzina e di essere dunque all’oscuro di alcune dinamiche venute poi a galla per via del decesso.

Continua a leggere
Potrebbe interessarti...

Per info email: antonellalatilla@gmail.com instagram: cheloidea21

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Altro in News

Post Popolari

Scelti per voi

To Top