Gossip e TV
Menu

Terremoto, ultime notizie 29 giugno 2012: in Emilia ancora scosse, preoccupante allerta caldo

Postato in : Attualita'

terremoto emilia ultime notizie  300x250 Terremoto, ultime notizie 29 giugno 2012: in Emilia ancora scosse, preoccupante allerta caldo immgineTERREMOTO EMILIA – ULTIME NOTIZIE – LE SCOSSE.  E’ stata una notte tranquilla, quella appena trascorsa in Emilia Romagna ma la terra trema ancora. Dopo le due scosse di ieri, la più forte di magnitudo 2.2 della scala Richer, anche questa notte il sisma è tornato a far sentire la sua presenza con due scosse, registrate dall’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia). La prima scossa, alle ore 1:42  del 29 giugno 2012. di magnitudo 2.3 della scala Richter. L’ipocentro ad una profondità di 8 Km, l’epicentro nei comuni di Medolla, Mirandola, San Felice sul Panaro, Camposanto. Ad avvertire il sisma anche Crevalcore e Cento. Tra i comuni coinvolti anche: San Giovanni Del Dosso, Ostiglia, Poggio Rusco, Quingentole, Melara, San Prospero, Cavezzo, Finale Emilia, Concordia Sulla Secchia. La seconda scossa è stata registrata alle ore 5:18 di stamattina. L’ipocentro ad una profondità di 7,5 Km. L’epicentro nelle località di Mirandola, Cavezzo, San Posidonio, Medolla e Concordia sulla Secchia. Altri comuni coinvolti: Nonatola, Quistello, Pegognaga, Carpi, Camposanto, Ravarino.

TERREMOTO – ULTIME NOTIZIE – ALLERTA CALDO.  Continua l’emergenza caldo nelle tendopoli allestite per accogliere le persone che, dopo i terremoti del 20 e del 29 maggio, sono state costrette ad abbandonare la propria casa. La paura adesso è per l‘ondata di caldo che sta per abbattersi sull’Italia e inevitabilmente anche nelle zone colpite dal sisma. Eppure si cerca lentamente di riprendere la vita normale. La situazione deve essere riportata lentamente e faticosamente alla normalità. In che modo? Innazitutto spingendo a tornare nelle proprie case chi ha la possibilità di farlo. Per gli altri i problemi da risolvere sono tantissimi. Bisogna aspettare, attendere che gli edifici siano ristrutturati. La Protezione Civile continua i controlli sull’agibilità. Circa 18mila le strutture valutate e di queste più di 6mila hanno ottenuto la certificazione. Rimane alto il livello di guardia ma adesso si pensa a progettare la ricostruzione  Intanto anche PosteItaliane riprende i servizi nelle zone colpite dal sisma. Nelle province di Modena e Ferrara sono stati riaperti gli uffici. Continuano anche le iniziative per raccogliere fondi a favore dei terremotati.

TERREMOTO EMILIA ROMAGNA – ULTIME NOTIZIE – UN ECONOMIA IN PEZZI. E’ un’economia devastata quella della Regione. Le industrie emiliane sono state duramente colpite. Gli imprenditori chiedono che al più presto possa iniziare la ricostruzione. In questa direzione va il Patto di Legalità firmato dalla Regione Emilia in accorso con sindacati ed  imprenditori: per evitare che ci sia infiltrazione mafiosa negli appalti. Intanto si cerca di fare un bilancio: l’impatto del terremoto sugli utili delle aziende sarà forte, putroppo. Alcuni gruppi come la Sorin stimano un danno di circa 40 milioni sugli utili e di almeno 100 milioni sul fatturato.

Ti potrebbe interessare:

Commenti :

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>