Connect with us

Televisione

Terremoto Emilia, ultime notizie 7 Giugno 2012: ancora scosse, oggi arriva Napolitano

terremoto-emilia-ultime-notizie

TERREMOTO EMILIA ULTIME NOTIZIE – Aggiornamenti e ultime notizie sul terremoto in Emilia Romagna, oggi 7 Giugno 2012. La terra continua a tremare. Anche questa notte sono state registrate numerose scosse nella Pianura Padana, nelle zone già colpite da due forti terremoti del 20 e del 29 Maggio 2012. L’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha registrato tantissime scosse nella notte appena trascorsa. La più forte ancora una volta è avvertita alle 3.47 tra nelle province di Mantova, Reggio Emilia e Modena, ed è stata di magnitudo 3.2, a una profondità di 8,3km. L’ultima scossa, di magnitudo 2.2, è stata registrata poco fa, alle 8.01 nella provincia di Modena. Lo sciame sismico non lascia tregua al Nord Italia, anche se si sta spostando verso le zone marittime. Ieri un terremoto di magnitudo di 4.5 ha toccato Ravenna, con molta paura e per fortuna nessun danno.

TERREMOTO EMILIA I NUMERI – Nella giornata di ieri la Protezione civile ha fornito i primi dati ufficiali sul terremoto in Emilia: numeri davvero spaventosi. Sono oltre  14.000 i cittadini sfollati ed assistiti nei 34 campi allestiti, nelle 48 strutture al coperto, negli alberghi e nei campeggi. Sono stati effettuati oltre 2.600 sopralluoghi dalle squadre di rivelatori sia in edifici pubblici sia privati. Di tutte le strutture controllate, quasi mille sono state ritenute agibili, mentre  496 temporaneamente inagibili, 174 parzialmente inagibili, 52 temporaneamente inagibili da rivedere con approfondimentì e 893 inagibili. Con queste cifre gli sfollati non torneranno presto nelle loro case. E’ tempo di pensare alla ricostruzione delle zone colpite, ma le continue scosse non aiutano le operazioni di recupero.

TERREMOTO EMILIA PRESIDENTE NAPOLITANO – Oggi è prevista la visita nelle zone colpite dal terremoto del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Sono previsti una serie di incontri con i sindaci dei comuni più colpiti dal sisma dei giorni scorsi con l’apertura di un dialogo sui possibili aiuti del governo alla Regione. Seguirà la visita vera e propria del Presidente nei posti terremotati, ai campi allestiti in periferia, alle tende, alle chiese cadute. La popolazione avrà un riscontro effettivo con il potere e potrà chiedere al Presidente ogni cosa.

Continua a leggere
Potrebbe interessarti...
1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Televisione

Post Popolari

Scelti per voi

To Top