Connect with us

Scelti per voi

Striscia la Notizia, Ricci vince la causa contro Stefano di Masterchef

striscia la notizia Striscia la Notizia contro Stefano, vincitore di Masterchef: Antonio Ricci vince

Striscia La Notizia ha vinto la causa contro Stefano, vincitore di Masterchef nel 2015. Il tg satirico di Antonio Ricci, infatti, si occupò di Callegaro. L’inviato Max Laudadio e i conduttori di allora, Ficarra e Picone, rivelarono che il ragazzo aveva avuto modo, in passato, di lavorare nel mondo della cucina, il che andava contro le regole del talent di SkyUno. Il regolamento di Masterchef, infatti, prevede la partecipazione di persone che abbiano una passione per l’arte culinaria senza però aver avuto mai modo di lavorare in tale ambiente. Stefano querelò il tg e tutte le persone coinvolte nei servizi a lui dedicati per diffamazione e stalking. Ad oggi, però, scopriamo che Striscia ha vinto la causa.

Striscia la Notizia contro il vincitore di Masterchef: Antonio Ricci vince la causa

La Procura della Repubblica di Rovigo aveva richiesto l’archiviazione di tale inchiesta, che fu però rigettata dall’avvocato di Callegaro. Ad oggi, però, l’archiviazione è stata confermata dal giudice delle indagini preliminari che, sul’accaduto, rivela che i servizi di Striscia La Notizia rientrano nei canoni di diritto di critica. Anche gli intervistati nel corso dei vari servizi non sono andati incontro a nessuna pena. Anche per loro non c’è alcun motivo valido per diffamazione, hanno semplicemente risposto e riportato ciò che sapevano.

Striscia la Notizia: il vincitore di Mesterchef perde la causa contro Antonio Ricci

Anche questa volta, Antonio Ricci e il suo tg satirico trionfa. Di fronte all’ennesima querela, esce indenne e sicuramente più forte di prima. Tra le altre cose, tutto ciò, non ha altro che far acquistare maggior credibilità di fronte ai telespettatori di Canale 5. Per il momento non è arrivata alcuna dichiarazione dai diretti interessati, ma senza dubbio, non mancherà una qualche conferma da parte di Ricci.

Continua a leggere
Potrebbe interessarti...
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Scelti per voi

Post Popolari

Scelti per voi

To Top