Connect with us

Scelti per voi

Sanremo 2017, Carlo Conti compenso: Fiorello difende il conduttore

fiorelloSanremo 2017, Fiorello difende Carlo Conti dagli insulti per il suo compenso

Non si fermano le polemiche sui compensi del Festival di Sanremo 2017, in partenza martedì 7 febbraio su Rai1: dopo la diatriba seguita alle rivelazioni sull’onorario di Carlo Conti, pari a 650.000 euro, interviene Fiorello: lo showman siciliano difende il conduttore dagli insulti sui social per il suo cachet; e lo fa con un post in cui definisce “rosiconi” coloro che lo hanno ingiuriato. Nei giorni scorsi, la pagina Facebook del presentatore toscano è stata bersagliata da una quantità smisurata di commenti negativi e di insulti. Fiorello, a questo punto, prendendo spunto da un articolo di giornale che raccontava l’accanimento contro il direttore artistico della 67sima edizione del Festival, si è scagliato duramente contro i cosiddetti ‘odiatori’ del web.

Sanremo 2017 compensi, Fiorello all’attacco dopo gli insulti a Carlo Conti: “Ciao amici rosiconi”

Sulla sua pagina Facebook, Fiorello ha attaccato duramente chi, sui social e non solo, ha insultato il conduttore di Sanremo 2017 per il suo onorario: “Conti vince il Festival dell’insulto perché lui guadagna dei soldi. È riuscito nel suo intento, quando da ragazzino, lui non ha il papà tra l’altro, lui da solo ha cominciato a lavorare nei teatri, nei localini. Poi piano piano i primi successi, fino all’arrivo alla Rai, a Solletico, fino a che a 54 anni suonati approda a Sanremo e finalmente riesce a guadagnare dei soldi e… viene insultato perché ce l’ha fatta. Questo è il nostro Paese. Non stimiamo le persone che ce l’hanno fatta, facciamoli sentire in colpa. Ciao amici rosiconi che fate i conti in tasca alle persone”.

Sanremo 2017, Fiorello su Maria De Filippi: “Non è giusto lavorare gratis”

Fiorello interviene anche su Maria De Filippi che condurrà Sanremo 2017 a titolo gratuito: “Secondo voi perché la De Filippi non si è fatta pagare? Per evitare questo, questa rottura, ma non è giusto lavorare gratis”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Scelti per voi

Post Popolari

Scelti per voi

To Top