Connect with us

Televisione

Pretty Little Liars: Wren è A? Gli indizi

wren-pretty-little-liarsPretty Little Liars: chi è A? Wren tra i sospettati

I fan di Pretty Little Liars hanno un’unica, grande domande: chi è A? Nel corso degli anni si è sospettato un pò di tutti i personaggi e i dubbi proseguiranno ancora per molto visto che la serie è stata confermata per una sesta e settima stagione. La maggior parte del pubblico crede che la famigerata A sia Aria Montgomery, una delle quattro Pretty Little Liars. Ma, in realtà, in questa serie televisiva sono tanti i personaggi ambigui che potrebbero ricoprire senza alcun problema il ruolo di A. Come ad esempio Wren, apparso fin dal primo episodio di Pretty Little Liars come fidanzato di Melissa e poi rimasto nella serie, nonostante la rottura di fidanzamento, come personaggio ricorrente. Wren è un personaggio le cui intenzioni non risultano ancora molto chiare al pubblico fedele di Pretty Little Liars e di seguito ecco alcuni indizi che ci portano a ritenere che il giovane medico sia in realtà A.

Pretty Little Liars: A è Wren? Gli indizi

Wren è A di Pretty Little Liars? Ecco sei indizi che ci portano a pensare che sia proprio il giovane inglese ad essere il famigerato stalker:

1. La Vodka. A Wren piace questo specifico drink e lo ha dimostrato nel corso del secondo episodio della prima stagione, quando ha ordinato una vodka soda, mentre era fuori a cena con Melissa, Spencer e il signor Hastings. Nelle scene delle stagioni successive, abbiamo visto molte volte A bere della vodka mentre era intento a compiere le sue malefatte. Questo ci porta anche a sospettare che A non sia un’adolescente, bensì una persona adulta.

2. Schizofrenia. Nel secondo episodio della terza stagione Wren si incontra con Hanna al Radley, dove la Liar si reca di frequentare per far visita a Mona. Qui, Wren svela di aver avuto un padre che soffriva di schizofrenia, malattia mentale ereditaria che potrebbe averlo portato ad essere A.

3. Il dipinto. Nella quarta stagione, sempre al Radley, vediamo Wren intento a disegnare: il giovane ritrae una ragazza con un cappuccio rosso, più altri personaggi non meglio identificati: si tratta della squadra di A che è stata messa in piedi, tanto che più volte nel corso delle stagioni si è parlato di un’ A-Team?

4. L’inchiostro rosso. Sempre al Radley, Wren fa una diagnosi a Mona e come ci mostra un’inquadratura, il giovane usa dell’inchiostro rosso. Proprio come A: pura coincidenza?

5. La collana di denti. Ricordate quella collana fatta di denti veri che finì nello zaino di Emily? Chi potrebbe mai avere accesso a dei denti e ossa vere, a tal punto da farci una collana? Solo un medico, una persona a stretto contatto con i pazienti e come sappiamo Wren è un medico.

6. Chi ha ucciso Ian? La morte del primo fidanzato di Melissa, dopo cinque stagioni, resta ancora un mistero non svelato. Tra i papabili assassini proprio Wren, che aveva tutte le ragioni per essere geloso dell’ex della sua quasi moglie.

Pretty Little Liars: chi è A?

Questi sono solo alcuni indizi che abbiamo raccolto su Pretty Little Liars e che sembrano ricondurre il personaggio di A a Wren. Alla fine sarà davvero così? Sicuramente tanti piccoli dettagli ancora ci sfuggono, ma siamo sicuri che le prossime due stagioni di Pretty Little Liars risolveranno il mistero. Voi cosa ne pensate: Wren potrebbe essere A?

3 Comments

3 Comments

  1. Federica

    6 dicembre 2014 at 20:48

    Per la numero 6. Nella quarta stagione è stato svelato l’assassino di Ian ed è Alison.

  2. LiarsFan

    7 dicembre 2014 at 19:45

    Scusami Federica, non è proprio così. È Alison a spingere giù Ian dalla torre della Chiesa.. Ma non è Alison a spararlo.. Come verrà ritrovato nella casa nel bosco.

  3. Silvia

    8 dicembre 2014 at 18:09

    Scusatemi, ma perché Aria? Alla fine è la ragazza che soffre più di tutte per la storia di ‘A’ non ci sarebbe motivo..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Televisione

Post Popolari

Scelti per voi

To Top