Connect with us

News

Petaloso, bimbo inventa la parola: l’incredibile risposta della Crusca

fiore-petalosoPetaloso: Matteo ha inventato una nuova parola

Matteo è un bambino di otto anni che sul suo tema di italiano ha scritto l’aggettivo “petaloso“, facendo riferimento ad un fiore. L’alunno frequenta la terza elementare di una scuola di Marchesi di Copparo, un piccolo paesino in provincia di Ferrara. La maestra inizialmente lo ha considerato un bell’errore, ma successivamente è rimasta incuriosita da questo neologismo, così tanto da presentarlo all’Accademia della Crusca per farlo introdurre nel vocabolario italiano. Il bambino ha subito scritto una lettera all’Ente, facendola correggere dalla maestra Margherita Aurora e facendola riscrivere ad una sua compagna di classe, in modo tale che la grafia fosse più bella.

La Crusca: la tanto attesa risposta

Dopo l’invio della domanda, la Crusca ha risposto dicendo che la parola può rientrare benissimo nel vocabolario italiano, essendo semplice e chiara, ma per esserla ufficialmente deve essere utilizzata da tutti. Quindi dovremmo iniziare a dire che un fiore è “petaloso” – per indicare che ha tanti petali – proprio come usiamo le parole “peloso” e “profumoso“. Appena ricevuta la risposta, la maestra ha pubblicato la lettera sul suo profilo Facebook e i social sono accorsi in suo aiuto. In che modo?

Petaloso: i social aiutano Matteo

Da quando la maestra ha pubblicato la risposta della Crusca, i social stanno aiutando il piccolo Matteo a far diventare la sua parola di dominio pubblico. In che modo? Su Twitter e Facebook sta facendo tendenza l’hashtag #petaloso! Dalle pagina ufficiale Disney a quella del Grande Fratello vengono pubblicati post petalosi, e persino il Premier Renzi ha scritto sul suo profilo: “E che #petaloso sia, aiutiamo il piccolo Matteo a diffondere l’aggettivo da lui inventato“. Voi cosa ne pensate? Forse questo sarà l’input che spingerà le persone a creare una loro parola, proprio come Matteo? Il gesto è già diventato virale sui social, vedremo se avverrà anche nella vita reale.

Continua a leggere
Potrebbe interessarti...
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in News

Post Popolari

Scelti per voi

To Top