Connect with us

News

Omicidio Sarah Scazzi: Sabrina e Cosima condannate all’argastolo, per Michele Misseri 8 anni di reclusione

omicidio scazziOMICIDIO SARAH SCAZZI – CONDANNATE ALL’ERGASTOLO SABRINA E COSIMA MISSERISarah Scazzi ha ricevuto finalmente giustizia. Sabrina Misseri e Cosima Serrano sono state condannate all’ergastolo dalla Corte d’Assise di Taranto per l’omicidio della piccola Sarah Scazzi, la quindicenne di Avetrana scomparsa il 26 agosto del 2010 e ritrovata dopo due mesi in un pozzo, in campagna. Otto anni di reclusione, invece, per Michele Misseri per soppressione e occultamento di cadavere. Ricordiamo che Sabrina Misseri e Cosima Serrano erano la cugina e la zia di Sarah. Alla lettura della sentenza, il pubblico ha esultato con un grande applauso prima che il presidente della Corte riporti silenzio in aula. Dalle notizie che sono state diffuse, Sabrina Misseri appena ha ascoltato la parola ergastolo ha pianto mentre Cosima Misseri è stata imperturbabile così come lo è da quando la piccola Sarah Scazzi è stata uccisa ed è stata accusata dell’omicidio. Sospiro di sollievo, invece, per la famiglia di Sarah che da tempo aspettava questo momento continuando sempre a sostenere la colpevolezza di Cosima, Sabrina e Michele Misseri.

SARAH SCAZZI RICEVE GIUSTIZIA – Dal 26 agosto 2010, giorno in cui la piccola Sarah fu uccisa nella cantina della casa di Sabrina Misseri, la famiglia Scazzi non ha mai avuto pace. Più di due anni di processo per una sentenza che era attesa da tempo. Sin dal ritrovamento del corpo della piccola Sarah in un pozzo, la giustizia ha sempre sostenuto la colpevolezza dei membri della famiglia Misseri. Cosima Serrano e Sabrina Misseri, mamma e figlia, si sono sempre dichiarate innocenti. Al contrario, Michele Misseri, dopo essersi dichiarato colpevole, ha ritrattato prima accusando la figlia e poi cambiando ancora versione. Michele Misseri, in tutti questi mesi, non si è mai mostrato un testimone affidabile. Intervista dopo intervista, Michele Misseri ha cercato di dimostrare la propria colpevolezza scagionando la figlia Sabrina e la moglie Cosima. Tuttavia, il movente dell’omicidio ha sempre ricondotto alla gelosia che Sabrina provava nei confronti della piccola Sarah Ricordiamo, però, che la sentenza che ha condannato Sabrina e Cosima all’ergastolo e Michele a otto anni di reclusione, è solo il primo grado di giustizia. L’appello, infatti, potrebbe ribaltare tutto così come ha già fatto con l’omicidio di Meredith Kercher.

OMICIDIO SARAH SCAZZI – LE ALTRE SENTENZEDue anni di reclusione sono stati inflitti all’ex difensore di Sabrina, Vito Russo, per intralcio alla giustizia. Per i tre favoreggiatori, la corte ha inflitto un anno di reclusione ciascuno ad Antonio Colazzo e Cosima Prudenzano e un anno e 4 mesi a Giuseppe Nigro, con pena sospesa. La Corte di assise di Taranto, ha condannato anche Michele Misseri, Cosima Serrano e Sabrina Misseri al risarcimento dei danni, da stabilire in separata sede, alla famiglia Scazzi e al Comune di Avetrana.  Nello stesso tempo ha stabilito una provvisionale di 50.000 euro ciascuno ai genitori di Sarah, Giacomo Scazzi e Concetta Serrano, e di 30.000 euro per il fratello Claudio.

Continua a leggere
Potrebbe interessarti...
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in News

Post Popolari

Scelti per voi

To Top