Connect with us

Televisione

Mistero – Riassunto puntata del 16 ottobre 2011

Daniele Bossari presenta il servizio “Lago di Agaro: alla ricerca del villaggio sommerso“. In Val D’Ossola, in provincia di Verbania, ci sarebbero testimonianze della presenza dei Walser o “popoli della montagna“. I Walser appartengono al ceppo degli Alemanni, e sono giunti attorno all’VIII secolo nell’alto vallese. In Italia, le comunità Walser sono presenti in Piemonte (Valsesia e Ossola) e in Val D’Aosta. Il più antico documento scritto relativo alla fondazione di un insediamento Walser risale al 10 maggio 1253.

Nicole Pelizzari e Marco Berry invece, si occupano del servizio intitolato “Esoterismo: il collezionista di feticci magici“. A Pieve Terzagni, in provincia di Cremona, uno dei simboli più significativi e misteriosi è il quadrato magico o “Sator“, la cui prima testimonianza compare in una bibbia carolingia dell’822 d.C., e che viene raffigurato presso la Chiesa di San Giovanni Decollato, costruita nell’ XI secolo da Matilde di Canossa. Si dice che il Sator possieda proprietà taumaturgiche.

Il Sator si trova in molte chiese templari, e secondo alcune teorie richiamerebbe la cosiddetta “Clavicola di Salomone“, uno dei più importanti trattati di magia, che descrive dettagliatamente come preparare formule magiche ed evocare spiriti. Successivamente, la location si sposta a Torino, città magica per eccellenza, vertice sia di un triangolo della magia bianca che di uno della magia nera, per intervistare Aldo Proserpio, colui che conserva la più interessante collezione di oggetti esoterici, tra cui il famoso “Patto del Diavolo” stipulato con una strega nel 1926.

Durante la preparazione per il Sabba, le streghe si cospargevano il corpo di LSD. Le messe nere ricalcano i rituali cristiani e furono iniziate dalle streghe nel Sabba. Per via della sua forma antropomorfa, la mandragora veniva considerata metà animale e metà vegetale. Un altro oggetto magico di rilievo è “La mano di gloria“, una mano imbalsamata appartenuta ad una nobildonna del ‘500 accusata di stregoneria. Sembra che di questo reperto ne esistano solo 3 in tutto il mondo.

Jane Alexander è a Barcellona, dove si trova il museo del rock più grande del mondo, e presenta il servizio “Amy Winehouse: la maledizione delle rockstar“. Tutte appartenenti al cosiddetto “Club dei 27“, perché deceduti a 27 anni. Nell’ordine, Jimi Hendrix, Brian Jones, Jim Morrison, Janis Joplin e per finire Kurt Cobain ed Amy Winehouse. Le prime quattro vittime erano accomunate tra loro a causa dell’età e del clima politico che c’era in quegli anni. Edgar Hoover, capo dell’FBI per 48 anni, fu accusato di legami con il Ku Klux Klan e di togliere di mezzo le personalità dissidenti.

Jimi Hendrix ad esempio, faceva parte delle “Pantere Nere“, gruppo attivista e rivoluzionario afroamericano. Per la cabala, il 27 indica la tristezza che si trasforma in allegria, perché morire giovani significa essere i preferiti dagli dei. L’ultimo servizio s’intitola “Vissarion, la reincarnazione di Gesù?“, colui che ha fondato la “Città del Sole” e che si è autoproclamato il “Nuovo Messia della Siberia“. Vissarion, al secolo Sergej Torop, nasce il 14 gennaio 1961 a Krasnodar. Ex poliziotto, i suoi seguaci sono vegani, non possono consumare alcolici e non possono fumare e possedere denaro.

Nel 1994, Vissarion invita i seguaci a vivere in comunità sul Monte Sukhoi, il “Centro del Mondo“. In base alla dottrina di Vissarion, la terra è un essere vivente meritevole di venerazione. Vissarion ha 50.000 sostenitori in tutto il globo terrestre.

Al prossimo appuntamento, ore 21.25, Italia 1

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Televisione

Post Popolari

Scelti per voi

To Top