Connect with us

Televisione

Mistero – Riassunto 4° puntata del 25 settembre 2011

Andrea G. Pinketts e Jane Alexander presentano il caso di Fra’ Elia Cataldo, il laico stigmatizzato. Il nuovo “Padre Pio“, come i fedeli l’hanno battezzato, è in contatto continuo con l’angelo custode Lechitiel. Gli strumenti della troupe televisiva che filmò il fenomeno di Fra’ Elia, rimasero impregnati del profumo di rose per settimane. Le stigmate di Fra’ Elia si aprono completamente durante la Settimana Santa. La Fraternità degli Apostoli di Dio, alla quale appartiene il religioso, non è stata ancora riconosciuta.

Fra’ Elia è un laico consacrato e ogni anno deve rinnovare i voti. Inoltre, si è sottoposto al test di Kirlian, che stabilisce l’esistenza di facoltà taumaturgiche. I pellegrini, presso il convento di Calvi, celebrano insieme a Fra’ Elia l’inizio dell’anno di preghiera. Fra’ Elia avrebbe anche subìto tre episodi di vessazione da parte del maligno. Marco Berry e Nicole Pelizzari invece, presentano il caso intitolato “Autopsia di una mummia del 1500“. La frazione di Roccapelago, vicino Modena, sorge ad un’altitudine di 1095 metri sul livello del mare, e presso la Chiesa della Conversione di S.Paolo è stata fatta una scoperta molto interessante.

La chiesa parrocchiale è stata edificata nel 1585 sull’antico castello distrutto da un incendio. Nel Nord Italia, la gigantesca fossa comune presente nella cripta della sacra struttura, è unica nel suo genere. I 300 corpi si sono mummificati grazie alla combinazione di clima asciutto e ventilato, e sono stati seppelliti tra il 1580 e il 1750. Le mummie appartengono a un’intera comunità montana, e insieme ad esse sono stati rinvenuti anelli nuziali, collane, rosari e medaglie votive. Nicole è andata al Dipartimento di Storia e Metodi per la Conservazione di Ravenna, perché tramite accertamento di età, aspetto fisico e Dna, si potrà ricostruire la vita dell’intera comunità.

Oltretutto, attraverso tecniche di “Facial Reconstruction“, si potranno ricostruire i volti delle mummie. In seguito, Marco Berry e Nicole Pelizzari presentano ancora il servizio intitolato “Ipnosi: le forze sconosciute della mente umana“. Marco è andato dal Prof. Vercelli che insegna all’Università di Scienze Motorie di Torino. Attraverso studi approfonditi, è stato scoperto che la suggestione di freddo indotta tramite l’ipnosi, è in grado di annullare il dolore. Con l’ipnosi è possibile indurre ad una vera e propria anestesia.

L’ultimo servizio, presentato da Marco Berry e Daniele Bossari, è intitolato “Riti religiosi: sopravvivere al veleno dei serpenti“. L’unico Stato in cui la pratica di maneggiare i serpenti è legale è la Virginia Occidentale. La pratica dei serpenti fu introdotta tra i pentecostali da George Went Hensley. Hensley morì nel 1955, proprio in seguito al morso di un serpente velenoso. Tra i più pericolosi, responsabili della maggior parte dei decessi, vi sono i serpenti a sonagli. In America e solo nel XX secolo, sono stati accertati più di 75 pentecostali morti di avvelenamento.

Appuntamento alla prossima domenica, ore 21.25, Italia 1

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Televisione

Post Popolari

Scelti per voi

To Top