Connect with us

Televisione

Miss Italia cancellata: i soldi pubblici vengono usati solo per i calciatori e i matrimoni?

miss- italia- 2012MISS ITALIA FUORI DAL PALINSESTO AUTUNNALE – La notizia è ufficiale: Miss Italia 2013 è stata cancellata dai palinsesti autunnali della Rai. Le motivazioni sarebbero principalmente di natura economica, e darne ufficialmente l’annuncio è stato Giancarlo leone direttore di Rai 1. Eppure Patrizia Mirigliani non ci sta, e annuncia guerra alla televisione di Stato. Già, perchè secondo la Patron di Miss Italia, nessuno si sarebbe preoccupato di avvisare la Miren (la società di Patrizia Mirigliani che gestice ed organizza l’evento). Anzi, la comunicazione ufficiale sarebbe arrivata solo lo scorso 2 maggio: troppo tardi secondo Patrizia. Anche perchè, come lei stessa ha dichiarato, la macchina di Miss Italia si rimette in moto subito dopo l’incoronazione della reginetta. Infine, Miss Italia da’ lavoro ad un grande numero di persone: la correttezza della Rai, arrivati a questo punto, sembra essere stata messa in discussione. Come mai nessuno ha informato Patrizia Mirigliani? La questione è stata presa molto seriamente: la senatrice Silvana Amati, infatti, ha fatto sapere di aver presentato al Ministro dello Sviluppo Economico un’interrogazione parlamentare chiedendo di appurare le motivazioni che hanno portato a questa cancellazione. A sostenere l’evento, poi, sono accorse ex reginette: Danny Mendez (Miss Italia 1996), e Tania Zamparo (Miss Italia 2000).

LA RAI BOCCIA LE FORME – Patrizia Mirigliani è un fiume in piena: l’eliminazione di Miss Italia 2013 dai palinsesti Rai è una situazione paradossale. Oltre a dare lavoro, l’evento è ben radicato nella cultura italiana. Tanto che, con il passare del tempo, è diventato un appuntamento tradizionale ed irrinunciabile. La stessa Patrizia svela un retroscena inquietante riguardante la Tv di Stato: qualche anno fa, la Patron decise di inserire nel concorso le donne con la taglia 44. Un gesto molto apprezzato, dato che le forme generose rappresentano in modo più evidente le donne italiane. La nuova introduzione, però, non venne accettata in casa Rai. Patrizia Mirigliani ricorda l’episodio,e  racconta: “Alle finali mi viene detto, da alcuni dirigenti, che queste miss (con la taglia 44!) sono troppo grasse per essere presentate in tv”. Una frase shockante che di sicuro solleverà nuovi polveroni.

MISS ITALIA E GLI SPRECHI DI CASA RAI – Miss Italia 2013 non ci sarà, a settembre, su Rai 1. Giancarlo Leone, direttore di Rai 1, poco tempo fa aveva ammesso la definitiva cancellazione. Patrizia Mirigliani, organizzatrice dell’evento, ha fatto sapere che questo gesto è stato scorretto e non professionale. La causa principale, secondo i bene informati, dovrebbe essere legata a questioni economiche. Un tasto dolente per la Rai. Anche Carlo Rienzi (presidente del Codacons) lancia un provocazione: “L’azienda ha pagato centinaia di migliaia di euro calciatori per la partecipazione a programmi televisivi…o ha scelto di trasmettere in diretta il matrimonio di Valeria Marini. …ci aspettiamo adesso dal Direttore Leone la cancellazione dal palinsesto di quei programmi non conformi ai progetti di rete”. La questione Miss Italia 2013 è ancora tutta da rivedere.

Continua a leggere
Potrebbe interessarti...
2 Comments

2 Comments

  1. Donatella Gimigliano

    15 maggio 2013 at 15:52

    A dire il vero la dichiarazione sui soldi spesi sui calciatori etc. non è di Patrizia Mirigliani ma di Carlo Rienzi, presidente Codacons. Sarebbe opportuno correggere l’articolo.
    Attendo un cortese riscontro.
    Grazie e buon lavoro!
    Donatella Gimigliano
    Ufficio Stampa Miren

    • Lalla

      15 maggio 2013 at 20:44

      Gentile Dott.ssa Gimigliano, ringraziamo per la segnalazione, l’errore è stato corretto. Saluti. Lo Staff di Gossipetv.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Televisione

Post Popolari

Scelti per voi

To Top