Connect with us

Televisione

LUCA ARGENTERO/ Domenica Live: “Sono molto orgoglioso di essere italiano”

Domenica Live Storie Luca ArgenteroLUCA ARGENTERO A DOMENICA LIVE – Seguiamo in diretta l’intervista di Sabrina Scampini per Domenica Live Storie all’attore italiano Luca Argentero, presto nelle sale con I gladiatori di Roma, primo film d’animazione realizzato interamente in Italia. La nostra Sabrina parte male; perché per quanto la prima clip con in studio Luca Argentero sulla sua esperienza al Grande Fratello e sul calendario sexy si sforzi di essere semplicemente ironica, si dimostra semplicemente inutile, svelando una povertà di contenuti che imbarazza; “questa clip è per dirti che noi non parleremo di questo“, incalza la Scampini. Peccato che questa dichiarazione di superiorità non trovi riscontro nei fatti dato che sarebbe stato più efficace non parlarne proprio, invece di sottolineare ancora una volta che loro sono diversi! Il virus di Canale5 colpisce ancora: che qualcuno corra ai ripari subito, altrimenti l’agonia non farà che rendere più dolorosa la fine inevitabile. Ma torniamo all’intervista: nonostante questo incipit da brivido, s’è parlato anche di altro, partendo da una riflessione già proposta da Argentero in altri contesti; lui, sex symbol tra i più amati, come si vedrebbe nel ruolo di Primo Ministro? La domanda nasce, come dicevamo, da alcune riflessioni dell’attore sulla politica italiana che ripropone a Domenica Live: “La cosa che mi fa più strano del mondo politico italiano è che qui, a differenza di altri paesi, non serve un titolo accademico per governare la nazione. Quindi io, non essendomi preparato per fare il politico, non lo farei mai”. Argentero però, una laurea ce l’ha comunque, in Economia  e commercio. Quale sarebbe stato il futuro di Luca Argentero se non avesse scoperto il teatro e la recitazione? “Probabilmente avrei lavorato con la mia famiglia; subito dopo l’università ho fatto piccoli lavori come tutti; mi preparavo per entrare nell’azienda con mio padre. Durante l’università ho sempre lavorato ma come tanti ragazzi che studiano per mantenersi”. 

LUCA ARGENTERO, LA PRIMA VOLTA A TEATRO – Nel curriculm vitae di Luca Argentero non solo il cinema e la tv ma anche il teatro; una disciplina, questa, esaltata da tutti gli addetti ai lavori. Scopriamo cosa ha colpito e affascinato Luca di questa avventura: “la mia prima volta a teatro è stata un incubo: molti miei colleghi ti potranno confermare che il teatro regala delle sensazioni molto particolari. Chi viene da un percorso come il mio senza preparazione accademica adeguata vive dei minuti drammatici, quelli poco prima che il sipario si apra. Sei completamente pietrificato; poi succede una cosa abbastanza magica. Si apre il sipario e senti respirare di fronte a te seicento persone che aspettano che tu inizi a parlare. In quel momento due sono le cose che puoi fare: o scappi via e vai a piangere in camerino oppure parte questa energia che ricevi dalle persone e la restituisci: è quasi una droga, è difficile starci lontano”. Poi arriva il momento di ricordare alcuni dei film di Argentero: immancabile la scena tratta da Mangia, Prega, Ama con Julia Roberts della quale racconta: “Guardandolo adesso faccio fatica a credere di essere stato lì. Io sono un grandissimo fan del cinema, sono uno spettatore; la mia casa è piena di dvd: quelli sono i miei eroi, non riesco a vederli come persone che fanno il mio mestiere, anche quando vado con un film a Venezia o Roma. Lei (Julia Roberts, ndr) è una donna molto normale, una bellissima donna. Il bello di grandi come loro è che quando sono fuori dal set sono molto normali: hanno questa capacità di accendere una luce quando si accende il motore; ed è quello che li rende così speciali, così grandi”.

LUCA ARGENTERO E PIERFRANCESCO SAVINO IN SATURNO CONTRO – Sulla scia delle idee scontate, viene riproposta una clip da Saturno Contro (video in basso ma vi consigliamo di guardare il film): fortunata pellicola di Ferzan Opzetek con Stefano Accorsi, Margherita Buy, Pierfrancesco Savino, Ambra Angiolini  e Isabella Ferrari, per citarne alcuni. Insomma un cast stellare per un drama coi fiocchi: tante domande possibili ma solo una udita: come è stato baciare Piefrancesco Savino? Perché, in fin dei conti, a questo ci riduciamo sempre: il pettegolezzo! Nonostante il bagno di banalità, la risposta di Argentero, sottolinea ancora una volta la profondità dell’attore e la sua capacità di leggere ciò che altri faticano anche solo ad individuare:  “E’ incredibile come questa sequenza venga così riproposta in quasi tutte le interviste che ho fatto; in realtà è stata una cosa molto normale. Io non mi sono stupito. Mi rendo conto che è una cosa che è rimasta e che in un certo qual modo ha fatto la fortuna del film ma quando Ferzan spiegava a me e Savino la storia, lo faceva parlando di due persone che si vogliono bene: non è difficile da capire né da interpretare: è una questione di capire cosa si deve fare. E se gli occhi della persona che hai di fronte sono sinceri e innamorati è normalissimo”.

LUCA ARGENTERO: CHE PASSIONE L’ITALIA – Tornando al tema della passione italica, Argentero chiosa: “Io sono molto orgoglioso di essere italiano; sono uno attaccato alla bandiera e alle volte la vedo trattata male, mi sento come un amante ferito: mi domando che cosa bisognerebbe fare, se vale la pena continuare a combattere. Nel quotidiano bisogna impegnarsi per far andare bene le cose”.

BELEN RODRIGUEZ E LUCA ARGENTERO – Come divevamo a breve debutterà nelle sale italiane I gladiatori di Roma, film d’animazione che vede tra i doppiatori Laura Chiatti, Belen Rodriguez e Luca Argentero. Il compito di Diana (Belen) è quello di far diventare Timo (Argentero) un vero uomo, ma lo stesso Luca assicura: “Tranquilli, è un film per famiglie!”

http://www.youtube.com/watch?v=aw8s0av-DN0

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Televisione

Post Popolari

Scelti per voi

To Top