Gossip e TV
Menu

Le Iene: Lo scandalo delle farmacie non si ferma a Novi Ligure

Postato in : Televisione

iene farmacie Le Iene: Lo scandalo delle farmacie non si ferma a Novi Ligure immgineLo scandalo della farmacia di Novi Ligure ha aperto gli occhi all’Italia su un fenomone truffaldino che fino a qualche settimana fa era rimasto completamente nell’ombra. Le parole della proprietaria della farmacia coinvolta non avevano lasciato dubbi: “facciamo così da 20 anni, tutte le farmacie fanno così..ecc“.. Ovviamente il fatto che un reato venga commesso da tanti non giustifica chi lo ha commesso..

Le Iene hanno continuato ad approfondire l’argomento ed hanno scoperto che la truffa delle fustelle dei farmaci va ben oltre i confini di Novi Ligure, ad esempio visitando una farmacia a Milano si è scoperto che viene adottato lo stesso sistema!

Ma i controlli alle farmacie venivano fatti? Bene, le Iene hanno chiesto spiegazioni ai dirigenti dell’Asl di Novi Ligure. La direttrice sembrava caduta dalle nuvole, specialmente quando le hanno chiesto il motivo per cui avvertivano le farmacie prima dei controlli: “credo non sia corretto e non sia produttivo avvertire prima dei controlli“, dopo una breve arrampicata sugli specchi ha pensato bene di passare il testimone al suo superiore!

Se la dirigente di Novi Ligure era un pò spaesata, il dirigente di tutta la provincia di Alessandria non riusciva neanche a parlare, ad un certo punto sembrava quasi fosse stato colto da un malore! Quando gli sono stati chiesti dei dati statistici sulle ricette a Novi non ci ha saputo rispondere ed ha passato tutto nelle mani dell’addetta ai controlli!

L’addetta ai controlli ha esordito con un: “ce l’abbiamo messa tutta!” In realtà l’unica cosa curiosa che ci ha detto è che la farmacista conivolta nello scandalo aveva fatto anche parte della commissione di controllo delle altre farmacie!

Cosa succederà ai responsabili dei controlli? Gli sarà passato per la testa di dimettersi? Come si può sentire un dirigente Asl serio se quello che non è riuscito a scoprire in 20 anni di duro lavoro viene smascherato in 10 minuti da un servizio televisivo?

Si è capito che il problema della truffa delle fustelle è estesa in tutto il territtorio nazionale, nel lazio erano stati risparmiati 50 milioni di euro in un mese con una semplice regola: 1 ricetta-1 fustella. I farmacisti in quel mese avevano fatturato 53 milioni di euro in meno e si era quindi ritornati ai “metodi antichi”.. La cifra che il servizio sanitario italiano potrebbe risparmiare se in tutto il Paese venissero fatti i controlli sarebbe veramente elevata, purtroppo in questo momento oltre ad essere truffati da molte farmacie regaliamo anche lo stipendio ai “controllori”..

E’ forse arrivato il momento di aprire gli occhi? Per i nostri politici l’unico mezzo per salvare l’Italia sembra essere quello di tagliare pensioni e diritti dei lavoratori, servizi come questo ci fanno invece capire che le risorse in Italia ci sono ma vengono “mangiate” da personaggi senza scrupoli.

Intanto il ragazzo che ha denunciato la truffa non trova ancora lavoro e questa potrebbe essere l’ennesima prova che la truffa è molto più estesa di quello che si pensi. Le Iene hanno fatto una bellissima proposta: Perchè quella farmacia non la rendiamo comunale e la diamo in gestione al farmacista più onesto di Italia?

Il video del servizio Qui

Ti potrebbe interessare:

Commenti : 8

  • Non siamo tutti uguali.
    Spero che i miei pazienti vi seguino e comprendino ,la mia vergogna,la mia umiliazione
    nel veder ……Mi fa’ tanta pena veder cosi’ maltrattata la mia professione.
    Comunque grazie . Per un mondo pulito senza egoismi.
    Maria Calvieri Farmacista

    • Buongiorno dottoressa e grazie per il suo intervento. Purtroppo in Italia non abbiamo la giusta mentalità, molti pensano che i farmacisti indagati siano semplicemente dei “furbi”.. Ovviamente ci sono molti farmacisti onesti, in questo periodo è sotto attacco la vostra categoria ma sappiamo tutti benissimo che i problemi dell’Italia non riguardano solo le farmacie ma tutto il sistema..

  • QUANTA DEMAGOGIA, SIG.RE. NON ACCETTO LA DEMAGOGIA DEL “NON SIAMO TUTTI COSI”, “POCHE MELE MARCE”, “LA MAGGIORANZA DEI FARMACISTI LAVORA ONESTAMENTE” ECC ECC. QUELLA DEI FARMACISTI è UNA LOBBY (FORTEMENTE COLLUSA CON LA MASSONERIA) CHE AVOCA A Sé PRIVILEGI INACCETTABILI. LE LIBERALIZZAZIONI POTEVANO ESSERE UNA PRIMA RISPOSTA, PUR PARZIALE MA ANCHE STAVOLTA LA LOBBY HA VINTO. ANCHE IL TERZO SERVIZIO HA MESSO IN LUCE COME IL DISCORSO-FUSTELLE SIA ESTREMANENTE ESTESO. IO CREDO CHE LA MAGGIORANZA DEI FARMACISTI SIA DISONESTO E LO STATO CONCEPISCE UNA STRUTTURA CHE VI CONSENTE DI VIVERE FACENDO CRESTE AL SSN ED AGLI UTENTI. LOTTIAMO TUTTI PER TOGLIERE GLI ORDINI PROFESSIONALI CHE NON FANNO CONTROLLI MA DIFENDONO SOLO I LORO MEMBRI

    • Desidererei ricordare a questo signore che nel napoletano se il cittadino ritira in farmacia il farmaco lo fa grazie ai denari dei farmacisti,visto che lo stato non li paga da 17 mesi……SE LO RICORDI………e poi BASTA DEMAGOGIA…….NE ABBIAMO PIENE LE TASCHE ………….

  • Seguino comprendino, la professione è maltrattata come la lingua italiana …

  • Come sempre tutti parlano senza sapere come stanno le cose. Questa truffa é vecchia come il carbone, e si puó compiere solo se c’é un medico associato ad un farmacista. La truffa é 50/50 tra medici e farmacisti, non si tratta di casta, massonica. Che ci siano farmacisti intrallazzati con il potere é scontato, ma i pirla sono i farmacisti che ci mettono la faccia. Il sistema ha come base i medici, che decidono quanti e quali farmaci dare in base agli intrallazzi con gli informatori farmaceutici, che comprano i medici con soldi e premi se prescrivono determinati farmaci in determinate quantità. Tutti i farmacisti sanno che periodicamente vengono visitati dagli informatori di case farmaceutiche per verificare se i medici stanno operando bene secondo accordi. Io mi chiedo perché nessuno lo dice. In galera i farmacisti disonesti, buttando via la chiave, ma che si indaghi bene su come funziona la cosa.

  • Vedremo se non siete tutti uguali..spero in piu controlli .farmacisti ladroni di fustelle .in galera.

  • DobVrebbero ricordarlo tutti gli italiani…..ovunque puo’ esserci un truffatore in qualsiasi categoria professionale

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>