Connect with us

Televisione

La Strada Dritta: la nuova fiction su Rai1 il 20 e il 21 ottobre

giorgio marchesi la strada drittaLa Strada Dritta: nuova fiction in due puntate in prima serata su Rai 1.

E’ davvero la stagione delle grandi fiction per Rai1: dopo il successo di Un’altra vita, la fiction appena terminata con protagonista una bravissima Vanessa Incontrada, che ha avuto un inaspettato e grandissimo riscontro dal pubblico, comincia La Strada Dritta, fiction in due puntate, che verranno trasmesse domani, lunedì 20 ottobre e martedì 21 ottobre, sempre in prima serata.
Con La Strada Dritta Rai1 continua la tradizione della fiction ispirata a fatti che hanno segnato la storia e la società italiana nel secolo scorso, e come sempre decide di farlo raccontando una grande storia con un cast di volti noti ed amati dal grande pubblico della televisione. La fiction è tratta dall’omonimo romanzo di Francesco Pinto, e racconta, a cinquant’anni dall’inaugurazione, la storia dell’Autostrada del Sole, a partire dal concepimento fino alla realizzazione della rivoluzionaria idea di costruire una unica, lunghissima strada senza interruzioni che rendesse unita e percorribile tutta la Penisola, da Nord a Sud. E’ la storia della nascita di uno dei più grandi simboli della Rinascita Italiana subito dopo la distruzione della Seconda Guerra Mondiale, ed è ancora una volta una fiction prodotta direttamente da Rai Fiction, in collaborazione con Cattleya.

Qui le anticipazioni sulla seconda puntata de La Strada Dritta in onda domani!

La Strada Dritta: il cast e le anticipazioni della prima puntata.

Protagonista de La Strada Dritta è Ennio Fantastichini (che ora sta soffrendo per amore nella sua vita privata), che interpreta il ruolo di Fedele Cova, Amministratore Delegato della Società Autostrade, ed ingegnere che concepì, progettò e realizzò l’Autostrada del Sole. La prima puntata inizia nell’autunno del 1956: Cova vuole dimostrare che l’Italia è in grado di ricostruire e ripartire dopo gli orrori e la distruzione della guerra e della crisi economica, e per farlo vuole costruire una strada lunghissima, oltre 700 chilometri, che unisca da Nord a Sud tutta la nazione. Decide di cominciare questa grande opera con l’aiuto di Giovanni, un giovane e brillante ingegnere, interpretato da Giorgio Marchesi (innamoratissimo della sua compagna), volto noto agli amanti della fiction italiana, in particolare di Un Medico in Famiglia, di Bruna, un’architetto di grande talento professionale e di grande fascino e bellezza, interpretata da Anita Caprioli, e di Gaetano, un operaio del sud ex compagno d’armi di Giovanni, venuto a Milano in cerca di lavoro , interpretato da Carmine Recano, noto agli amanti del cinema ed in particolare dei film di Ozpetek ai quali ha spesso preso parte. Tra Giovanni e Bruna scatta subito una enorme attrazione, mentre Gaetano appena arriva a Milano si innamora della bella Maria, interpretata da Valeria Bilello, volto noto di molte fiction degli ultimi anni, nonostante a Napoli ci siano sua moglie ed i suoi figli ad aspettarlo. Nel corso della prima puntata della fiction, assistiamo alla progettazione della strada ed al duro lavoro nei cantieri di Gaetano e degli altri operai, fino ad una sera in cui la Piena del Po minaccia di far crollare un ponte appena costruito, mettendo in pericolo la vita di molti operai, e solo l’intervento eroico di Giovanni permetterà di evitare il peggio.

La Strada Dritta: domani in prima serata su Rai 1

Ci sono tutte le premesse perchè il pubblico di Rai1 si appassioni anche a questa fiction, che promette una storia avvincente e con un cast di attori bravissimi. L’appuntamento è per domani sera in prima serata su Rai1 con la prima puntata de La Strada Dritta.

Continua a leggere
Potrebbe interessarti...
3 Comments

3 Comments

  1. Capra Donata

    21 ottobre 2014 at 12:02

    Finalmente uno sceneggiato ben interpretato e senza retorica

  2. brunacarmellino

    22 ottobre 2014 at 11:13

    Che meraviglia……interpretazioni da favola, insomma mi è piaciuto tantissimo!!!!complimenti a tutti.

  3. Angelo

    22 ottobre 2014 at 19:32

    Ridicolo: racconta le vicende umane di tre persone, importanti finché vogliamo, mentre la costruzione dell’autostrada rimane sullo sfondo.
    Non sono nemmeno stati citati i politici del tempo (perchè? ormai è storia). A un certo punto appare un politico che ha una vaga somiglianza con Moro. E’ lui?
    Poco dopo l’inizio c’è una citazione relativa alla Fiat che dal resto del film nemmeno si capisce cosa c’entri.
    Infine, sembra che tutta l’autostrada sia stata costruita da non più di una quindicina di persone armate di badile e da una scavatrice.
    Bah…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Televisione

Post Popolari

Scelti per voi

To Top