Connect with us

Televisione

K2 – La montagna degli italiani, riassunto 1° puntata del 18 marzo 2013: la morte di Puchoz

la morte di Puchoz riassunto 1 puntata del 18 marzo 2013 K2 La montagna degli italianiK2 LA MONTAGNA DEGLI ITALIANI RIASSUNTO 1° PUNTATA DEL 18 MARZO 2013 – Il riassunto della 1° puntata della fiction “K2 – La montagna degli italiani“, del 18 marzo 2013, inizia con il professore di geologia Ardito Desio (Giuseppe Cederna), che ha in mente di organizzare una spedizione per scalare la cima del K2, la montagna più alta e pericolosa del mondo. La fiction “K2 – La montagna degli italiani” è ambientata nel 1954, e il periodo non è dei migliori per finanziare un’impresa come questa, visto che l’Italia è uscita da poco dalla guerra e mancano le possibilità economiche, ma a quanto pare Desio riesce nell’intento, convincendo così il primo ministro Alcide De Gasperi (Paolo Graziosi) a dare l’importante consenso. In seguito, ecco che viene a delinearsi la squadra di alpinisti che si prodigherà per raggiungere la gloria, primi fra tutti Achille Compagnoni (Massimo Poggio), con il sogno di costruire un piccolo albergo in montagna da lasciare ai suoi figli, Lino Lacedelli (Michele Alhaique), spinto dal grande amore che nutre per la montagna, Walter Bonatti (Marco Bocci), desideroso di superare se stesso, mettendosi coraggiosamente alla prova proprio con questo difficile compito e Mario Puchoz (Giorgio Lupano), sconvolto ancora dai ricordi del conflitto mondiale appena conclusosi, e in modo particolare dalla “Ritirata di Russia“, dove è riuscito a salvarsi la vita grazie all’intervento dell’amico Riccardo Cassin (Alberto Molinari), noto alpinista facente parte anch’egli della spedizione. Prima però di affrontare il temibile K2, i giovani scalatori decidono di esercitarsi sul Cervino, sottoponendosi ad estenuanti test fisici e psicologici.

ABBANDONO FORZATO DI CASSIN E PARTENZA PER IL K2 – Il professor Ardito fa presente a Cassin che deve rinunciare alla scalata, in quanto dagli ultimi accertamenti medici, è risultato che ha una predisposizione per le vene varicose, problema di salute devastante per chi intende avventurarsi in alta quota, in quanto il soggetto interessato può essere colpito da trombosi. Alla terribile notizia, Cassin reagisce piuttosto male, ma capisce che deve arrendersi all’evidenza dei fatti. Successivamente, prima che i restanti alpinisti partano per il Pakistan alla volta del famigerato K2, vengono sollecitati da Ardito Desio a salutare le loro famiglie. Poco dopo, precisamente il 5 aprile del 1954, ecco che la squadra giunge a destinazione, presso il Campo Base, dove Desio insieme ad Amir Mahadi (Matteo Azchirvani), alpinista del luogo, recluta altri uomini per la scalata, con l’aggiunta di animali da soma utilizzati per trasportare cibo e ulteriori generi di conforto. Più tardi, si procede alla formazione del primo gruppo, scelto per esplorare il monte e per realizzare il Campo Due, composto da Compagnoni, Puchoz e Bonatti. Sfortunatamente, Mario viene raggiunto da una valanga, e la situazione precipita improvvisamente. Il giovane viene soccorso, ma è in pericolo di vita per una probabile pleurite fulminante, e tutto quello che serve per poterlo salvare, è rappresentato dalla penicillina. Ecco allora, che Compagnoni e Bonatti tornano al Campo Base per recuperarla, ma il tempo non gioca a loro favore, e l’amico e collega Puchoz rischia di morire.

MORTE DI PUCHOZ E SUE ESEQUIE – Nonostante tutti gli sforzi di Compagnoni e Bonatti, Puchoz perde la sua battaglia, non riuscendo a superare la giornata. La 1° puntata della fiction “K2 – La montagna degli italiani“, termina quindi con le esequie di Puchoz. Appuntamento a questa sera, per la ed ultima puntata della fiction “K2 – La montagna degli italiani“, ore 21.10, Raiuno.

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Televisione

Post Popolari

Scelti per voi

To Top