Connect with us

Cinema

Intervista a Sofia Coppola: ecco il mio nuovo film

the-bling-ringLA COPPOLA SVELA I SEGRETI DEL SUO NUOVO FILM – “Bling Ring“, questo il titolo del nuovo film di Sofia Coppola che vedremo sul grande schermo in Italia il prossimo Settembre. Il film aveva già aperto la sezione “Un certain regard” del Festival di Cannes 2013. Ma vediamo di cosa si tratta: in una Los Angeles ossessionata dalla celebrità, un gruppo di adolescenti ci trascina in una folle ed avvincente sequenza di crimini sulle colline di Hollywood. La storia è ispirata a fatti realmente accaduti, e il gruppo, ossessionato dal glamour e dal lusso, utilizzando Internet, ha realmente studiato le celebrità da colpire, per poi rubare nelle loro case beni di lusso per oltre 3 milioni di dollari. Tra le vittime Paris Hilton, Orlando Bloom e Rachel Bilson. La banda è stata ribattezzata dai media “The Bling Ring”. La regista si è ispirata ad un articolo di Vanity Fair che raccontava appunto la storia di quei ragazzi e dichiara: “Mi ricordo di quando se n’è cominciato a parlare nelle news, ma all’epoca non ci avevo prestato molta attenzione. Poi, quando ho letto l’articolo, ho pensato che sembrava proprio la trama di un film. Era incredibile: ragazzi giovani e carini che facevano quelle brutte cose nel mondo agiato e scintillante delle star. Le loro dichiarazioni mi hanno molto colpita. Sembrava che non si rendessero conto di aver fatto qualcosa di veramente sbagliato e che fossero interessati soprattutto alla celebrità ottenuta grazie alle rapine. Tutta questa storia sembrava dire molto sulla nostra epoca e su come crescono i ragazzi nel mondo di Facebook e di Twitter“. E ancora riguardo ai ragazzi aggiunge: “Ho cercato di essere empatica e di non giudicare. Non che volessi dire che quello che hanno fatto va bene, ma desideravo che il pubblico si facesse una sua opinione. Non mi piace stabilire quello che il pubblico dovrebbe pensare. Il film mostra come la cultura dominante riesca ad influenzare dei ragazzi ai quali le famiglie non hanno trasmesso valori forti in cui credere“.

UNA STORIA VERA DI HOLLYWOOD – Per la Coppola trasformare questa storia reale e contemporanea in una sceneggiatura si è dimostrata una delle cose più complicate del film: “C’era una montagna di materiale e io dovevo tirarne fuori una storia di finzione. Fare ricerche, lavorare sui materiali e trovare un modo per rendere i personaggi simpatici e credibili per il pubblico è stata una sfida difficile da affrontare. Quando ho cominciato, Nancy Jo – giornalista che aveva scritto l’articolo su Vanity Fair che ha ispirato il film della Coppolami ha dato le trascrizioni delle sue interviste ai ragazzi. Non riuscivo a credere ad alcune delle cose che avevano detto, rivelavano molto delle loro personalità, dei loro obiettivi e della nostra cultura. In un certo senso ho lasciato che la mia immaginazione partisse da lì. Ascoltare le loro storie mi ha fatto venire delle idee, mentre altri spunti li ho tratti dalle mie esperienze di gioventù, magari non dirette, ma da quello che ricordo significasse avere quell’età, e poi ho cercato semplicemente di immaginare di essere nei panni di quei ragazzi”. Sebbene il film racconti una storia di finzione, si basa su fatti veri e i filmmaker e il cast hanno fatto molte ricerche per assicurare un’autenticità. L’idea di usare le persone reali come fonte d’ispirazione per poi rielaborarle in modo da renderle più personali, è stata fatta propria dall’intero cast. Emma Watson si sbilancia parlando così del suo personaggio: “Ho fatto un sacco di ricerche. Per me era importante che i dialoghi si basassero effettivamente su cose dette da Alexis Neiers. Ma allo stesso tempo lei era stata molto imboccata per un reality show in TV, e molte persone ormai sanno che i reality non sono autentici. Queste donne interpretano loro stesse, hanno dei copioni e storie scritte da seguire. Per cui, certo, si basa su una persona reale, ma su una persona che stava recitando e leggendo delle battute. Per cui è come se ci fossero sempre due livelli di separazione”.

NELLE CASE DELLE STAR HOLLYWOODIANE – Nel mirino dei giovani facenti parte del Bling Ring, ci sono diversi personaggi famosi, tra cui Orlando Bloom, Rachel Bilson e Paris Hilton: “La sua è l’unica vera. Per gli altri, ne abbiamo realizzato una nostra versione. Ma devo ammettere che è stato eccitante girare in uno dei luoghi reali della storia e dare un’occhiata al suo mondo, nei suoi armadi…” dichiara la Coppola riguardo a quest’ultima. Dato che la banda del Bling Ring ha operato a Los Angeles, non c’era alcun dubbio che era lì che si sarebbe svolta la storia. Racconta la Coppola: “Credo davvero che Los Angeles sia oggi il centro della cultura americana, a causa di tutti questi reality show, come quello sui Kardashians, ambientati a Hollywood e a L.A. e la “cultura del tappeto rosso” è diventata così influente in tutto il Paese che questa storia doveva svolgersi per forza qui“. Appuntamento immancabile, allora, questo autunno con Sofia Coppola al cinema, che ci dà la possibilità di entrare nelle case delle celebrità e scorpire i loro segreti!

Sul grande schermo il 26 settembre da non perdere!

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Cinema

Post Popolari

Scelti per voi

To Top