Connect with us

Televisione

Il Restauratore – Riassunto episodi dell’ 8 gennaio 2012

Il primo episodio s’intitola “Il Dono“. Basilio Corsi (Lando Buzzanca), ex poliziotto e ottimo restauratore di oggetti antichi, esce dal carcere dopo aver scontato una pena di ben 20 anni. L’uomo aveva vendicato la terribile morte della moglie incinta, uccidendo i suoi aguzzini, due brutali rapinatori, e per questo motivo era stato punito. Il direttore dell’istituto di correzione, Ernesto De Angelis (Giacomo Piperno), lo premia per la sua buona condotta, facendogli riottenere la libertà, anche se gli fa presente che dovrà ancora passare 5 anni agli arresti domiciliari, e trovandogli un lavoro nel negozio d’antiquariato di Maddalena Fabbri (Martina Colombari).

Qui, a causa di un filo elettrico scoperto, Basilio prende una piccola scossa, acquistando lo straordinario dono di prevedere il futuro, soltanto toccando degli oggetti qualsiasi. Infatti, in una delle sue visioni, la vita di un barbone è in pericolo, il palazzo dove dorme è fatiscente, e Basilio è come se fosse lì con lui. In realtà, il fatto deve ancora accadere ma l’uomo non ci fa troppo caso. Quando poi tutto ciò capita veramente e il barbone viene salvato, Basilio ne rimane profondamente sconvolto e contento nello stesso momento. In seguito, l’uomo ha l’occasione di riabbracciare un suo vecchio amico, considerato come un figlio, il commissario Sandro Maccari (Marco Falaguasta) e conoscere il simpatico ristoratore Arturo (Paolo Calabresi).

Nel frattempo, nelle mani di Basilio, arriva un cofanetto con pagliaccetto a molla. L’uomo ha immediatamente la visione di un cartello stradale con scritto sopra “Ospedale Tiberino“, e di un giovane che si suicida lanciandosi nel Tevere. Basilio deve fare qualcosa, impedire il folle gesto. Più tardi, veniamo a sapere che la probabile vittima è l’infermiere Filippo Faraci, preoccupato perché convinto di aver ucciso un paziente, con una dose sbagliata di medicinale. Qualcuno vuole incastrarlo? Ebbene sì, è il suo collega. Costui era “in corsa” insieme a Faraci, per un contratto di lavoro a tempo indeterminato, ma il vero motivo del suicidio non è questo.

Filippo e la moglie rischiano di perdere la casa, e anche il lavoro di lui che non è più sicuro. Come se non bastasse, la donna è un’accanita giocatrice d’azzardo, che si è indebitata fortemente con l’acquisto di “Gratta e Vinci“. Basilio allora, per impedire la morte di un innocente, racconta a Filippo di come ha perso l’adorata compagna, ma il giovane però si getta nel fiume ugualmente seguito da Corsi, dovendolo poi salvare perché Basilio non sa nuotare. L’episodio si conclude con Filippo e la moglie, che fanno pace decidendo con coraggio di affrontare i loro problemi.

Il secondo episodio s’intitola invece “Segreti e bugie“. Basilio ha in mano un portacipria, e vede una giovane donna davanti ad uno specchio, che resta sfigurata in volto per colpa della polvere che l’oggetto contiene al suo interno, non essendo cipria ma soda caustica. Sonia, questo il nome della vittima, è una cantante di successo, che però presenta i suoi brani in playback, perché interpretati da Donatella Canale, un’altra ragazza più brava e talentuosa di lei. Quando il produttore discografico, che le aveva promesso un disco tutto suo, dice a Donatella che non se ne fa più niente, che in ballo ci sono tantissimi soldi e che il nome di Sonia non può essere rovinato, la giovane decide di vendicarsi proprio come aveva predetto Basilio.

L’episodio si conclude con Corsi che la ferma in tempo, con lo smascheramento dell’abile “truffatrice” Sonia, e con la scoperta entusiasmante della vera star, Donatella, che ottiene il meritato successo che tanto aspettava, rendendo orgoglioso più che mai anche il padre gravemente malato.

Al prossimo appuntamento, ore 21.30, Rai 1

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Televisione

Post Popolari

Scelti per voi

To Top