Connect with us

News

Il figlio di Totò Riina a Porta a Porta: è polemica su Vespa

bruno-vespa-porta-a-portaPorta a Porta, intervista al figlio di Totò Riina: Bruno Vespa sotto accusa

Andrà in onda questa sera a Porta a Porta l’intervista a Salvo Riina, il figlio di Totò. La scelta di Bruno Vespa e del suo gruppo di giornalisti non è andata giù a parecchi, tanto che qualche giorno fa si era chiesto il blocco immediato del servizio tv. La prima a remare contro è stata Rosy Bindi, parlamentare a capo della Commissione Antimafia. “Mi auguro che in Rai ci sia un ripensamento. Ma se questa sera andrà in onda l’intervista al figlio di Totò Riina, avremo la conferma che Porta a Porta si presta ad essere il salotto del negazionismo della mafia e chiederò all’Ufficio di Presidenza di convocare in Commissione la presidente e il direttore generale della Rai” ha dichiarato la Bindi, del tutto contraria alla messa in onda dell’intervista. Vespa e il suo staff, però, non hanno fatto retromarcia e hanno scelto di mandare in onda lo stesso l’intervista a Salvo Riina che in questi giorni ha pubblicato l’autobiografia La vita con Salvatore Riina, mio padre.

Le polemiche per l’intervista del figlio di Totò Riina a Porta a Porta

La decisione di mandare in onda l’intervista al figlio di Totò Riina ha spaccato letteralmente in due l’Italia. Sette senatori del PD hanno scritto una lettera al presidente della Commissione di vigilanza Rai Roberto Fico per chiedere di “convocare al più presto una seduta della Commissione di vigilanza per verificare presupposti e misura di sanzioni sulla concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo per questi episodi che oggettivamente rischiano di far sembrare la televisione pubblica il salotto in cui le associazioni criminali sono di casa”. Il Presidente del Senato Pietro Grasso ha invece fatto sapere su Twitter: “Non mi interessa se le mani di Riina accarezzavano i figli, sono le stesse macchiate di sangue innocente. Non guarderò Porta a Porta”Sulla vicenda è intervenuta anche Maria Falcone – sorella del giudice ammazzato dalla Mafia nel 1992 – che ha dichiarato: “Da 24 anni  mi impegno per portare ai ragazzi di tutta Italia i valori di legalità e giustizia per i quali mio fratello ha affrontato l’estremo sacrificio ed è indegna questa presenza in una emittente che dovrebbe fare servizio pubblico”.

Porta a Porta, Bruno Vespa: prima i Casamonica poi Totò Riina

“Certo che andrà in onda, perché non dovrebbe?” ha replicato Bruno Vespa reclamando dunque il diritto all’informazione. Quella sul figlio di Totò Riina non è la prima polemica che si abbatte su Porta a Porta: qualche mese fa il talk show politico fu aspramente criticato per via dell’ospitata di Vera e Vittorino Casamonica, figlia e nipote di Vittorio Casamonica, i cui funerali show avevano destato un certo scalpore.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in News

Post Popolari

Scelti per voi

To Top