Connect with us

Gossip

Fabrizio Corona difeso da Celentano: la lettera al Quirinale

fabrizio-corona-adriano-celentanoIl molleggiato scrive una lettera al presidente Napolitano per difendere la posizione di Corona

Dopo gli eccessi, gli scandali e i processi vari la parabola discendente di Fabrizio Corona, sembra essersi conclusa con la sua incarcerazione per i reati di estorsione ai danni della maggior parte dei personaggi dello spettacolo. Ad oggi che, il famoso paparazzo sta scontando la sua condanna di ben sette anni in carcere, più volte ha manifestato il suo malessere per essere stato giudicato troppo severamente rispetto a tanti altri casi come il suo. Del resto oltre allo stesso Corona in molti sono stati quelli che hanno sostenuto un’ingiustizia nella pena conferitagli secondo lo quale lo avrebbe svantaggiato nei confronti di chi ha effettivamente commesso reati molto peggiori, ma con delle pene molto minori. Ultimo in ordine di tempo è proprio il cantante Adriano Celentano, che in una lettera a cuore aperto indirizzata al presidente Napolitano tenta di spiegare le sue ragioni sugli accaduti chiedendo al Quirinale di rivedere la sua posizione, secondo il cantante troppo severa e immeritevole per quanto ha fatto. Infatti nella lunga lettera al Presidente, Celentano spiega che se anche non conosce il fotografo di persona, più volte ha avuto l’occasione di studiarlo nell’ambito delle sue uscite pubbliche per gli scandali in cui era coinvolto, suscitando in lui una forte tenerezza per il modo in cui Corona ha saputo tener testa con il suo fare da finto duro. Secondo l’artista, Fabrizio sotto la sua aria severa nasconde tanta fragilità e bisogno di comprensione, e quindi non è giusto che a causa del nome che porta debba in qualche modo essere penalizzato ingiustamente.

Celentano a Napolitano: i veri criminali sono altri

Adriano nella lettera continua dicendo al presidente che molti sono i criminali accusati e rinchiusi ingiustamente cosi come lo stesso Corona e che molti altri invece sono i veri criminali, spesso a piede libero per via di cattiva applicazione delle leggi. Inoltre ciò che Celentano tenta di sottolineare è quanto nella gioventù di ognuno si commettano errori stupidi dettati dal desiderio di arrivismo e di potere facile, proprio così come è accaduto al fotografo nell’ambito delle sue vicissitudini private.

Intanto c’è chi dice che Corona è depresso e non sta bene

Sempre più voci invece si rincorrono sullo stato di salute di Fabrizio che a dire dei familiari non è proprio dei migliori. Il fotografo infatti soffrirebbe di una grave depressione in parte scatenata dalle ingiustizie che gli sono state applicate in ambito giudiziario. Forse è anche questo uno dei motivi per cui lo stesso Celentano è sceso in campo in aiuto del giovane fotografo, affinchè il tutto possa risolversi con una riduzione della pena tentando di non arrivare al peggio. Ora che l’appello è giunto forte e chiaro al Quirinale, la richiesta a nome di Celentano e da parte di numerosi sostenitori forse questa volta non passerà inosservata. Intanto siamo curiosi ed in attesa di una replica da parte di Napolitano.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Gossip

Post Popolari

Scelti per voi

To Top