Connect with us

Televisione

Euro 2012 Germania Italia, Balotelli: “La mia serata più bella”

italia finale europei 2012EURO 2012 GERMANIA ITALIA – Il busto nero di Supermario Balotelli è l’immagine della grande partita giocata dall’Italia contro la Germania. Il culturista azzurro, è l’immagine della Italia di Prandelli che elimina la Germania, 2 a 1, e sogna l’Europeo, vinto solo una volta, 44 anni fa a Roma. Il fisico di Balotelli, due reti, spinge i compagni in finale: appuntamento domenica sera a Kiev contro la Spagna campione in carica e del mondo. I tedeschi, per l’ottava volta, steccano contro la nostra nazionale, quando si fa sul serio nella fase finale. L’ultima nel mondiale del 2006, a Dortmund: pure lì si arresero in semifinale. Contro tutti i pronostici, gli azzurri giocando con il cuore e con la voglia di regalare finalmente una gioia al popolo italiano hanno dato una prova di calcio e d’orgolio alla Germania e a tutti quelli che ci considerano finiti. Ed ora niente ci fa paura.

SUPERMARIO BALOTELLI – E’ stata la sua serata, La sua vittoria più bella e più imortante. Mario Balotelli è la scommessa vinta di Cesare Prandelli, l’unico in gradi di capire e di far emergere totalmente il grande talento di questo gigante. I gol di ieri sera sono stati due perle assolute: il primo su assist di Cassano, il secondo su lancio di Montolivo. Due gol dedicati alla mamma arrivata a Varsavia solo per lui. E domenica a Kiev ci sarà pure il padre. “A fine partita sono andato ad abbracciare mia madre. Questo è un momento che aspettavo da tanto. In finale ci sarà anche papà, magari ne devo fare quattro. Per la classifica cannonieri, però, me ne serve ancora uno di gol, ci proverò. Non so se è la svolta della mia carriera, di certo è la serata più bella della mia vita. Ora aspetto domenica, spero che sarà ancora più bella. Come si batte la Spagna? Stando tranquilli, senza innervosirci, giocando il nostro calcio”.

CESARE PRANDELLI – E’ raggiante Cesare Prandelli dopo la grande prova della sua squadra: “Abbiamo fatto una partita straordinaria, facendo le cose che avevamo pensato che potessero metterli in difficoltà. Abbiamo dato un esempio di concretezza e attaccamento alla maglia, abbiamo dato un esempio: quando si parla di Italia tutti devono stare molto attenti”.

GIGI BUFFON – Il capitano azzurro, invece, è felice e arrabbiato allo stesso tempo. Scuro in volto per aver rischiato una rimonta che ci avrebbe sicuramente mandato a casa: “Ero arrabbiato perché ci stavamo giocando qualcosa di unico e di troppo prestigioso, non era giusto soffrire gli ultimi minuti per aver scherzato col fuoco. Se fosse capitato che per caso entrava un rimpallo e la Germania faceva 2-2, nei supplementari vincevano 9-2. Le partite vanno vinte quando si può in maniera agevole e facile. Sono uno dei ‘vecchietti’ in mezzo a tanti giovani, e a volte i ‘vecchietti’ devono rompere le scatole“. Buffon, torna a sorridere, quando pensa alla grande gioia che lui e tutti gli azzurri hanno regalato al popolo italiano: “Ho passato la nottata su Youtube a vedere le reazioni delle piazze italiane ai rigori con l’Inghilterra: un’ora e mezza da pelle d’oca. Volevamo stupire e far felici tutti, e lo stiamo facendo”.

ANDREA PIRLO – Il migliore in campo, per la terza volta consecutiva, mantiene la sua solita espressione malinconica nonostante l’impresa degli azzurri. Per Pirlo, però, non è ancora successo niente perchè lui ha un unico pensiero: la coppa. “Andare a Roma e non vedere il Papa non serve a niente. Noi vogliamo tornare a casa con questa Coppa, e domenica il nostro spirito di batterci e correre sarà lo stesso visto qui e contro l’Inghilterra. così facendo possiamo andare lontano“. Le sensazioni di Pirlo sono le stesse del Mondiale vinto nel 2006? “Più o meno sono le stesse del Mondiale, e la voglia di poter rivivere quelle emozioni è grande”.

GIORGIO CHIELLINI E ANDRA BARZAGLI – Il guerriero Chiellini dedica la vittoria ai terremotati dell’Emilia: “Il mio pensiero va ai terremotati dell’Emilia, noi quel giorno a Parma abbiamo vissuto delle emozioni incredibili. Ci abbiamo creduto fin dal principio volevamo vincere per continuare questo sogno e farlo vivere anche a voi, insieme a noi. Anche nei minuti di sofferenza finale ci abbiamo creduto e ci siamo meritati questa vittoria. Ora andiamo a prenderci questa coppa“. Gli fa eco Andrea Barzagli: “Siamo stati grandi, abbiamo fatto una partita bellissima contro una grandissima squadra. Abbiamo sofferto da morire negli ultimi minuti ma è stata una vittoria meritata. Ora riposiamoci e poi pensiamo alla Spagna. Vogliamo chiudere in bellezza”.

 

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Televisione

Post Popolari

Scelti per voi

To Top