Connect with us

Televisione

Edoardo Costa: Chiesti 4 anni di carcere per la truffa sulla beneficienza

Il Tribunale di Milano ha chiesto 4 anni di reclusione e 1800 euro di multa per l’attore Edoardo Costa. L’ex attore della soap Vivere e di moltissime altre fiction, dovrà rispondere di truffa aggravata, appropriazione indebita, falso ideologico e matariale e uso di atto falso. Tutto iniziò nel 2008 quando il programma di La7 Italian Job si occupò per la prima volta dell’associazione umanitaria C.I.A.K, fondata e diretta dallo stesso Costa, il programma denunciò che solo 20mila dei 120mila euro raccolti non finirono a destinazione. Da quel momento iniziò ad occuparsi della Onlus di Edoardo Costa anche il Tg satirico Striscia la Notizia, che riuscì inizialmente a far promettere all’attore una donazione di 25.000 euro ai bambini delle favelas, da quel momento Striscia non si dimenticò più di Costa continuandolo a tartassare e le forze dell’ordine fecero partire un’ indagine.

L’indagine  della Finanza nei confronti di Edoardo Costa e della sua associazione hanno portato alla conclusione che solo 80mila dei 650mila euro raccolti sono finiti in aiuto dei bambini poveri del terzo mondo. In realtà i fondi sottratti potrebbero essere molti di più, l’associazione raccoglieva spesso denaro in contanti e diventa dunque impossibile una ricostruzione esatta. La sentenza definitiva dovrebbe arrivare verso metà luglio, probabilmente non si apriranno le porte del carcere per Costa, anche con il massimo della pena chiesta dai P.M. Il vero danno di tutta la vicenda è il rischio che i cittadini perdano fiducia nei confronti delle associazioni benefiche, è bene ricordare che quello della C.I.A.K è un fatto isolato e non bisonga di certo smettere di aiutare chi sta peggio di noi.

Intato la carriera di Edoardo Costa ha subito un duro “stop” in seguito alla vicenda della truffa, forse non vedrà il carcere ma tutta la popolirità guadagnata durante la sua lunga carriera è andata ovviamente persa. L’ultima sua apparizione in televisione è durante il servizio di Striscia la Notizia del 2009, d’altronde cosa c’è di peggio che rubare ai bambini poveri?

Continua a leggere
Potrebbe interessarti...
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Televisione

Post Popolari

Scelti per voi

To Top