Connect with us

Gossip

E’ omicidio non volontario per il medico di Michael Jackson

Il re del pop è morto da quasi due anni e la giustizia è ancora alla ricerca del colpevole, se un colpevole c’è.

La giuria popolare ha giudicato il medico di Michael Jackson, Conrad Murray all’unanimità colpevole di omicidio non volontario per aver somministrato al cantante un potente anestetico solitamente usato in sala operatoria, che gli è stato fatale, il Propofol.

La giura non ha quindi creduto alla difesa di Murray. Il medico che ha eseguito l’autopsia sul corpo del cadavere, Christopher Rogers, ha smontato la tesi della difesa che sosteneva che Michael Jackson avrebbe assunto da solo per bocca il Propofol nei due minuti in cui il dottor Murray è andato in bagno.

Inoltre anche se Michael avesse assunto l’anestetico, questo non avrebbe fatto in tempo ad entrare in circolo e a provocarne l’arresto respiratorio. Sempre secondo il medico legale, il Dottor Murray non sarebbe stato in possesso del materiale medico necessario per somministrare una dose corretta del medicinale ed è possibile che abbia commesso un errore.

Murray rischia oggi quattro anni di carcere.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Gossip

Post Popolari

Scelti per voi

To Top