Connect with us

Televisione

Dalla polemica di Salvo Sottile a Storie Maledette: scopri Lo Speciale Pagelle di Maeva

selvaggia lucarelli salvo sottile v ascolti poleica twitterQUINTA COLONNA – SALVO SOTTILE –  Salvo Sottile Vs. Selvaggia Lucarelli: questo lo scontro mediatico che ha appassionato gli utenti di Twitter e gli amanti della tv questa settimana. Un evento degno delle più appassionanti spy story, con tanto di teoria del complotto invocata dal conduttore siciliano contro la sua trasmissione.  Quale l’antefatto? Quinta Colonna al suo debutto si scontra con Superquark e viene praticamente doppiato dal programma del “maestro” Piero Angela; la trasmissione viene così spostata al martedì e, per la seconda puntata, viene annunciata un’intervista esclusiva al comandante Schettino che (si viene a sapere) sarebbe stato pagato 57mila euro. Su Twitter inizia così un movimento contro Quinta Colonna, #iononguardoschettino, nel quale si spingono (o si sensibilizzano) gli utenti a non guardare il programma. Twitter o no, Quinta Colonna ottiene ascolti anche leggermente più bassi rispetto alla prima puntata: questo fa infuriare Salvo Sottile che, il giorno dopo, su Twitter se la prende un pò con tutti, ma soprattutto con Selvaggia Lucarelli, considerata l’ispiratrice morale della “campagna d’odio” contro Quinta Colonna. Dopo una serie di battute al vetriolo Sottile manda letteralmente a quel paese la Lucarelli; “Tu che non hai un c… da fare tutto il giorno perchè non vai a lavorare invece di fare il fenomeno su Twitter?” in risposta a Selvaggia che aveva scritto: “Fai la figura del livoroso infantile. Alza il telefono se hai qualcosa a dirmi. Hai un’eta ed un ruolo per fare il bimbominkia”. Tutto questo per la gioia degli utenti divertiti non poco dal battibecco virtuale dei due. Questo contribuirà a far alzare lo share martedì prossimo?

QUINTA COLONNA: voto 6

SALVO SOTTILE: voto 5

SELVAGGIA LUCARELLI: credo manchi molto di coerenza per lanciare campagne mediatiche e giudicare meccanismi di cui lei stessa è pienamente parte.

STORIE MALEDETTE

Franca Leosini ha dato il via, a partire dal 7 luglio, alla nuova serie di Storie Maledette, programma di grande spessore e ben curato (questo a prescindere dall’amare o meno il genere). A metà tra documentario ed inchiesta, il programma viene costruito leggendo con attenzione gli atti giudiziari.  Un plauso alla Leosini che ha un atteggiamento mai giudicante di fronte a persone accusate di crimini terribili. Un programma di spessore che unisce molteplici elementi: capacità di far emergere la versione dell’accusato e offrire un profilo psicologico attendibile ed accurato dei protagonisti. Grande professionalità della Leosini che sa dosare pause, silenzi, sguardi e parole per far emergere la netta opposizione tra le due “verità” in gioco.

STORIE MALEDETTE: voto 8

FRANCA LEOSINI: voto 9

ULTIMA PAROLA

Riapre per ferie Ultima Parola di Gianluigi Paragone con due speciali. Talk Show costruito sull’approfondimento politico e sociale si nutre di anime diverse: opinionisti ed ospiti fissi; servizi ben costruiti; analisi (a volte impobabili) del conduttore. Il pubblico si divide tra chi apprezza molto e chi proprio non sopporta Paragone che nella sua lunga carriera di giornalista è stato anche direttore de La Padania, giornale fondato da Umberto Bossi nel 1996.

ULTIMA PAROLA: voto 6

GIANLUIGI PARAGONE: voto 5

3 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Televisione

Post Popolari

Scelti per voi

To Top