Connect with us

Scelti per voi

Boss in Incognito, 24 gennaio: il Maglificio Gran Sasso di Guido Di Stefano

boss in incognito maglificio gran sassoBoss in Incognito con Nicola Savino, puntata del 24 gennaio 2017: chi è Guido Di Stefano? Il re dei maglioni

Guido Di Stefano del Maglificio Gran Sasso è il protagonista della prima puntata del 2017 di Boss in Incognito. L’imprenditore è il figlio di uno dei quattro fondatori dell’azienda, ovvero i fratelli Nello, Eraldo, Alceo e Francesco Di Stefano. Creato nel 1952, il Maglificio si trova alla Vibrata, un piccolo paese al confine tra Marche e Abruzzo. Il salto di qualità è avvenuto negli Anni Settanta quando l’azienda da famigliare diventa industriale e si afferma sul mercato nazionale ed estero.

Boss in Incognito Rai Due: la storia di Guido Di Stefano del Maglificio Gran Sasso

Gli Anni Duemila sono determinanti per l’azienda che si ingrandisce ancora di più. Oltre al nuovo stabilimento di S.Egidio alla Vibrata, nel 2005 viene inaugurato il nuovo Opificio a Roseto degli Abruzzi. Quest’ultimo è stato recuperato da una fornace anticamente dedita alla produzione di mattoni fatti a mano, specializzato nella tessitura su telai Cotton. Uno show room è presente pure in via Montenapoleone a Milano, una delle strade più rinomate al mondo. Il Maglificio Gran Sasso è diventata nel tempo un’azienda leader nella produzione e commercializzazione di maglieria e abbigliamento di alta gamma, con prodotti che si contraddistinguono per essere eseguiti tutti a mano. Il maglificio produce ogni anno 1 milione di capi e ha uffici in 40 paesi. Punto forza è la cura dei dettagli. Ogni prodotto viene eseguito a mano, con tecniche di alto artigianato, per diventare poi un oggetto esclusivo e riconoscibile. Nell’azienda lavorano più di 400 dipendenti.

Guido Di Stefano di Boss in Incognito vicino ai suoi dipendenti

Guido si definisce un capo molto vicino alle esigenze dei dipendenti. Ha deciso di partecipare al programma di Nicola Savino per capire meglio le condizioni di lavoro e ottimizzare alcune fasi lavorative.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Scelti per voi

Post Popolari

Scelti per voi

To Top