Connect with us

Televisione

Ballarò: La copertina di Crozza del 13 dicembre

L’approvazione del decreto Monti slitta e la copertina di Crozza ha dovuto “ripiegare” sui contenuti della manovra stessa. L’inizio della copertina è dedicato all’equità della manovra, sono stati colpiti i pensionati ma le farmacie no ” Perchè hanno la croce esposta fuori? Sono luoghi di culto anche la farmacie?”..

Le farmacie, i Taxi, i Notai..sembra che nel nostro paese non si possa toccare nessuna casta. Con la voce di Don Vito Corleone, Crozza dice che l’unica casta che si può liberalizzare in Italia è quella dei carcerati in 41bis! Una riflessione importante di Crozza è quella che molti, compreso il sottoscritto, si domanda da tempo: Perchè il Pdl che è liberale è contrario alle liberalizzazioni mentre il Pd che dovrebbe essere contrario le approva?

Anche dopo la Manovra “Lacrime e Sangue o Salva Italia” nel nostro Paese non cambierà niente, per fare il farmacista si dovrà essere figli di farmacisti e per fare i notai idem. Le parole spese dal Presidente Napolitano un mese fa sulla meritocrazia sembravano l’inizio di un cambiamento di rotta ma evidentemente..

Non poteva mancare qualche battuta sui parlamentari che dovranno decidere di decurtarsi da soli lo stipendio, effettivamente viene da ridere al solo pensiero!

Un appunto a Don Verzè e all’ospedale Don Raffaele, sembra che il servizio di Report di domenica abbia scoperto l’acqua calda, ma come è possibile che nessuno abbia capito prima quello che stava accadendo? 1 miliardo di buco non è poco.. Un Don che si fa costruire una Cupola, ci si poteva arrivare!

Infine un pensiero alla Lega e alla sua nuova moneta Padana: 1 Bossi varrà 10 Maroni, 1 Maroni 10 Trota e 1 Trota 10 neuroni…se li trovi!

http://www.youtube.com/watch?v=Mc_vEw7fkzk&feature=player_embedded

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Televisione

Post Popolari

Scelti per voi

To Top