Connect with us

News

Asia Argento, nuove rivelazioni shock: abusi da regista italiano, i dettagli

Asia Argento abusi registaAsia Argento, nuove rivelazioni shock da Twitter: abusi anche da regista italiano, i dettagli

Nuove terrificanti e shockanti dichiarazioni di Asia Argento, dopo quelle che hanno ormai fatto il giro del mondo sul caso Weinstein, il potente e influente produttore di Hollywood. Le accuse lanciate dall’attrice stavolta arrivano da Twitter, grazie all’hasthag #quellavoltache (già migliaia le denunce postate in poche ore da parte delle donne italiane). Nella fattispecie la figlia di Dario Argento ha parlato di altri due casi di abusi di cui è rimasta vittima durante la sua carriera cinematografica. A colpire soprattutto l’immaginario del Bel Paese è che in uno di questi si parla di un regista italiano (non per questo il fatto è più grave di altri, ma semplicemente è più vicino alla nostra sensibilità e realtà).

Asia Argento, nuove confessioni terrificanti: “Tirò fuori il suo… avevo 16 anni”

Asia era ancora una ragazzina, quando il regista italiano si rese protagonista di un episodio agghiacciante. Questo il tweet che narra l”accaduto: “#quellavoltache un regista e attore italiano tirò fuori il suo p.ne quando avevo 16 anni nella sue roulotte mentre parlavamo del ‘personaggio’”. Altro episodio agghiacciante le succede 10 anni dopo. Stavolta il suo ‘aguzzino’ non è italiano, ma americano, come Weinstein. “Un grosso regista statunitense (con il complesso di Napoleone) – scrive ancora su Twitter la Argento – mi dette la droga dello stupro e mi violentò mentre ero incosciente”. Ricordiamo che la sindrome di Napoleone è una sorta di complesso di inferiorità. La sindrome colpisce le persone che sono basse di statura, proprio come lo era Napoleone. Queste, sminuendosi per la loro condizione, tendono a rivalersi sulle figure più deboli fisicamente come donne e bambini.

 

Il caso Weinstein e le nuove rivelazioni di Asia Argento: il dibattito pubblico

Asia Argento in una recente intervista rilasciata a La Stampa è tornata sul caso Weinstein, aggiungendo altri dettagli e spiegando il perché non abbia denunciato subito le molestie. Il suo intervento è giunto dopo che l’opinione pubblica si è divisa tra chi ha difeso senza se e senza ma l’attrice e chi ne ha messo in discussione il ritardo delle dichiarazioni e della denuncia. Tutti d’accordo invece sulla mostruosità delle azioni del produttore hollywoodiano.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in News

Post Popolari

Scelti per voi

To Top