Connect with us

Televisione

Anticipazioni seconda puntata, Qualunque Cosa Succeda: la morte di Ambrosoli

giorgio ambrosoli qualunque cosa succeda fiction rai1Anticipazioni della seconda puntata di Qualunque cosa Succeda, martedì 2 dicembre su Rai1

Domani sera, martedì 2 dicembre, in prima serata su Rai1 andrà in onda la seconda ed ultima puntata della mini-fiction Qualunque Cosa Succeda, tratta dall’omonimo romanzo di Umberto Ambrosoli, che racconta gli ultimi anni della vita e la tragica morte dell’ Avvocato Giorgio Ambrosoli, egregiamente interpretato da Pierfrancesco Favino. Nella prima puntata, abbiamo conosciuto Giorgio Ambrosoli e la sua famiglia, ed abbiamo assistito al momento in cui il Governatore della Banca d’Italia lo convoca a Roma per conferirgli un incarico importante. La Banca Privata Italiana, di proprietà del banchiere siciliano Michele Sindona, viene dichiarata fallita, ed all’avvocato milanese viene conferito l’incarico di liquidatore, con il compito di ricostruire la rete di società fantasma costruita da Sindona per sottrarre  enormi somme di denaro ai risparmiatori ed alla sua stessa banca. Ambrosoli comincia subito a lavorare senza sosta per riuscire a recuperare le somme di denaro sottratte da Sindona, per potere restituire ai cittadini truffati i loro risparmi. Man mano che il lavoro dell’Avvocato va avanti, Ambrosoli si rende conto di essere sempre più solo, e soprattutto si rende conto di essere oggetto di pressioni e minacce continue, e soprattutto in pericolo di vita. Gli unici appoggi reali e saldi su cui poter contare sono l’amore della sua famiglia, ed il prezioso supporto nelle indagini che sta conducendo del Maresciallo Novembre, anche lui sulle tracce del banchiere siciliano.

Giorgio Ambrosoli contro Michele Sindona

Nella seconda puntata della fiction Qualunque Cosa Succeda, Giorgio Ambrosoli è riuscito a ricostruire la struttura delle attività malavitose di Michele Sindona, con il prezioso supporto del Maresciallo Novembre, e grazie agli archivi segreti del banchiere siciliano ed a quelli della Fasco, una piccola società del Liechtenstein il cui nome ricorreva spesso nelle carte di Sindona. In questo modo, Ambrosoli può addirittura andare a testimoniare negli Stati Uniti davanti al Grand Jury contro lo stesso Sindona, sotto processo per il fallimento negli Stati Uniti della Franklin National Bank. Sindona però, pagando una cauzione milionaria, riesce ad abbandonare il carcere, ed a tornare libero. Il suo piano è quello di riuscire a salvare la Banca Privata Italiana attraverso l’azzeramento di tutti i debiti dell’Istituto, in modo che siano proprio i piccoli risparmiatori a pagare il prezzo della sua truffa. Ambrosoli diventa il più ostinato oppositore di questo progetto, mentre continuano incessanti le minacce di morte per lui, per la sua famiglia e per il Maresciallo Novembre. E’ la sua testimonianza finale negli Stati Uniti che dovrebbe riuscire ad incastrare definitivamente il banchiere siciliano: ma la sua condanna a morte è stata già firmata, e Sindona ha già assoldato un killer per toglierlo di mezzo. La sera dell’11 luglio 1979 viene ucciso davanti alla porta di casa: il giorno dopo sarebbe dovuto andare a firmare la sua testimonianza, che avrebbe incriminato definitivamente Sindona. Dopo la morte di Ambrosoli, il caso viene insabbiato, Sindona viene coperto, e la famiglia di Ambrosoli viene abbandonata dallo Stato e dalle Istituzioni, ma non da tutte le persone che hanno creduto nell’operato dell’avvocato milanese.

La seconda puntata di Qualunque Cosa Succeda: la morte di Giorgio Ambrosoli

Finisce dunque in maniera tragica la storia di un grande uomo che ha servito fino all’ultimo la Giustizia e lo Stato, lottando per non scendere a compromessi, e per difendere i piccoli risparmiatori italiani da una grande truffa ai loro danni. E voi, che ne dite? Vi è piaciuto Pierfrancesco Favino in questo ruolo? 

Continua a leggere
Potrebbe interessarti...
1 Comment

1 Comment

  1. @

    1 dicembre 2014 at 23:38

    Straordinaria l’interpretazione di Favino e dei personaggi principali( la moglie,il maresciallo)e essenziale e rigorosa la trama .Veramente eccezzionale la regia. Complimenti alla RAI. Silvana bianchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Televisione

Post Popolari

Scelti per voi

To Top