Connect with us

Amici

Amici 11: Gerardo Pulli ha rischiato la vita, la rivelazione shock della mamma

Questo articolo lo dedichiamo interamente a Gerardo Pulli, non per lodarlo e avviare così un vero e proprio rito idolatrico, e nemmeno per distruggerlo con critiche puntigliose sul suo presunto o vero talento, ma per parlare di una confessione shock fatta dalla mamma dello stesso Pulli, riguardante un grave incidente che ha rischiato di uccidere il ragazzo e del perché, poi, ha forgiato quel caratterino che lo distingue, nel bene o nel male, dagli altri concorrenti di Amici 11. Questa è la lunga dichiarazione della madre, che abbiamo deciso di riportarvela senza nessun tipo di interruzione:

‘La storia di mio figlio Gerardo non la conosce nessuno. All’età di tre anni è miracolosamente uscito vivo da un incidente stradale e la sua vita, da quel giorno, è cambiata per sempre. L’auto, senza controllo, è uscita di strada piegandosi in due e riducendosi a un ammasso di lamiere. lo ero su un’altra auto e il mondo, nel vedere quella scena, mi è cascato addosso. Dopo essermi fermata sul ciglio della strada, con la forza della disperazione ho immediatamente iniziato a cercare mio figlio tra i campi, nell’erba alta. Non riuscivo a trovarlo. Pensavo che fosse stato sbalzato fuori dall’auto, anche a molti metri dal luogo dell’incidente. Ci hanno detto che Gerardo aveva riportato la lussazione dell’anca: l’osso femorale era uscito dall’acetabolo, cioè dall’incavo del bacino in cui alloggia. Negli adulti è un infortunio gestibile, ma nei bambini è da ritenersi drammatico, perché c’è il rischio che rimangano claudicanti, zoppi. Gerardo è stato operato nella notte del 3 agosto 1995, poi è stato ingessato per diversi mesi dalla testa ai piedi, proprio come una mummia. Vederlo in quelle condizioni è stato straziante, io e mio marito ci facevamo forza pensando che sarebbe potuto andare peggio, che lui era lì con noi. È stato tenuto sotto una campana di vetro, è vero, ma volevamo per lui un ambiente che gli facesse pesare il meno possibile il suo problema. Alla fine delle elementari, dalla scuola privata siamo passati a quella pubblica. Lì un’insegnante di italiano, che era anche psicologa, si è letteralmente innamorata di lui e lo ha aiutato a farsi conoscere e a stringere amicizie. Proprio come è successo con Mara Maionchi, ad Amici, anche quella professoressa ha percepito che Gerardo aveva una marcia in più. E stato sempre lì, alle scuole medie, che per merito di un’insegnante di musica molto preparata e moderna ha imparato a suonare la chitarra.’

Non capiamo però, e permettetecelo di dire, il perché la mamma del cantante della squadra blu abbia parlato di questo incidente in una fase molto, ma molto delicata del programma. Noi abbiamo i nostri dubbi…

3 Comments

3 Comments

  1. Danny

    22 marzo 2012 at 18:30

    Ma ‘sta madre coraggio pensa di infinocchiare gli italiani? A parte che sembra già poco proponibile la storia dello scampato incidente all’età di tre anni (immagino che il protagonista si ricordi tutto alla perfezione…come no!!) in seguito al quale il figliuolo è cambiato, ma ci sono fior fior di ragazzi che nonostante un passato fatto di enormi difficoltà non si sono mai concessi il “privilegio” di buttare nel cesso la maglia di qualcuno.
    Più credibile è che la signora cerchi disperatamente di celare le proprie carenze educative, perchè se io a scuola fossi stato sorpreso a compiere gesti di pura e semplice MALEDUCAZIONE, mia madre mi avrebbe, volgarmente parlando, spianato il deretano a forza di sonore pedate.

    • Pascal Ciuffreda

      23 marzo 2012 at 12:22

      Sì, infatti anche io penso che questa dichiarazione dataci dalla mamma di Gerardo non possa in alcun modo giustificare gli atteggiamenti di suo figlio nella scuola.

  2. nadia

    3 aprile 2012 at 17:10

    Faccio molta fatica a pensare che a 19 anni ci si ricordi per filo e per segno ciò che ci è successo a 3 anni di vita, pur essendosi trattato di un episodio serio, per carità non lo metto in dubbio. Capisco che una mamma possa fare e dire di tutto pur di mettere in buona luce il proprio figlio, ma che ci azzecca un incidente avvenuto tanti anni fa (risoltosi peraltro con successo mi pare, no?) con la finale di Amici? E’ normale che poi si diventi maliziosi e si arrivi a pensare che certe frasi mirino ad impietosire il pubblico. Se un artista è davvero bravo e con “una marcia in più” come asserisce la madre, non ha bisogno di essere “spinto” da nessuno, neanche dalla propria madre. Cara signora, vorrei ricordarle, visto che ha frequentato ospedali ed io lì ci lavoro, che esistono situazioni ben più gravi e drammatiche di quella toccata a Gerardo e mi permetto di dire che bisognerebbe portare rispetto nei confronti di chi ha davvero problemi seri e spesso purtroppo non risolvibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in Amici

To Top