Connect with us

News

Aldo Biscardi è morto: il conduttore e giornalista aveva 86 anni

aldo biscardi è mortoCome è morto Aldo Biscardi, l’inventore de Il processo del lunedì

Aldo Biscardi è morto: il popolare conduttore televisivo aveva 86 anni. È stato l’inventore de Il processo del lunedì, uno dei programmi sportivi più seguiti in Italia negli ultimi trent’anni. Il giornalista è morto a Roma, al Policlinico Gemelli dove era ricoverato da qualche giorno per alcuni problemi di salute. Tra un mese avrebbe compiuto 87 anni, era infatti nato a Larino il 26 novembre del 1930. La notizia è stata comunicata dalla famiglia di Biscardi. Aldo si spegne proprio nell’anno in cui nel campionato di calcio di Serie A è stato introdotto il Var, la famosa moviola di cui lui è sempre stato il promotore nella sua trasmissione televisiva nata negli Anni Ottanta.

Chi era Aldo Biscardi: la storia del famoso giornalista e conduttore

Da sempre appassionato di sport, Biscardi ha iniziato la sua carriera con la carta stampata. Giovanissimo ha scritto per Il Mattino e Paese Sera fino ad approdare in tv. Alla Rai ha creato un format del tutto nuovo per il piccolo schermo. Un programma di discussione della partite di Serie A, un programma dove analizzare azione dopo azione quanto accaduto in campo. Così nel 1980 è nato Il processo del lunedì, che Aldo ha condotto sulla tv di Stato fino al 1993. La trasmissione si è poi spostata su Telepiù, dove è diventata Il processo di Biscardi. Successivamente è approdato su Telemontecarlo e La7 Gold. Aldo ha condotto il programma fino al 2016: nel 2017 il testimone è passato alle ex veline di Striscia la notizia Giorgia Palmas e Elena Barolo.

Aldo Biscardi vita privata: il forte legame con la figlia Antonella

Aldo era molto legato alla figlia Maria Antonietta – chiamata da tutti Antonella – che ha collaborato per molti anni al suo programma tv nelle vesti di autrice. Qualche anno fa si è anche candidata, senza avere successo, alle elezioni comunali di Roma e ha avuto il pieno sostegno del padre.

Continua a leggere
Potrebbe interessarti...
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in News

Post Popolari

Scelti per voi

To Top